Il miele di acacia di Luca Finocchio conquista l'Oscar internazionale del cibo

Un riconoscimento che dà continuità a quelli ricevuti dall’azienda abruzzese a New York alle ultime annate della competizione

Il miele di acacia di Luca Finocchio conquista l'Oscar internazionale del cibo. Ai Sofi Awards di New York, il prestigioso concorso promosso dalla Speciality Food Association, unanimemente riconosciuto come Oscar Internazionale del Cibo il pregiato miele di Tornareccio ha ottenuto l’argento nella sezione dolcificanti, sbaragliando la concorrenza fatta di prodotti provenienti da tutto il mondo.

Un riconoscimento che dà continuità a quelli ricevuti dall’azienda abruzzese a New York alle ultime annate della competizione: nel 2016 erano stati premiati il Cioccomiel e il miele di sulla, nel 2019 sempre quello di acacia.

“Grande è la nostra soddisfazione – commenta Luca Finocchio – perchè da un lato, abbiamo ottenuto un riconoscimento che di fatto va al made in Italy, di cui siamo orgogliosi ambasciatori e, dall’altro, l’autorevolezza del concorso ci permette di entrare in nuovi contesti gastronomici e nuovi mercati, differenziando il nostro prodotto dagli altri. Se a tutto questo si aggiunge che il premio ci è stato assegnato in un anno così difficile, tra pandemia e condizioni meteo difficili per l’apicoltura, possiamo parlare tranquillamente di motivo di orgoglio che ripaga tanti sforzi e tanta caparbietà per questo lavoro che rappresenta per noi una missione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento