menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercatone Uno, Pezzopane (Pd): "Il Governo tuteli lavoratori e clienti"

La deputata abruzzese presenta un'interrogazione al presidente del Consiglio Conte e al ministro del Lavoro Di Maio

"Giuseppe Conte e Luigi Di Maio sono a conoscenza che con la chiusura di Mercatone Uno vengono azzerati mille e ottocento posti di lavoro, senza tenere conto dell'indotto, con il quale i lavoratori a rischio diventano diecimila? Il presidente del Consiglio e il ministro del Lavoro sanno che questo fallimento coinvolge anche l'Abruzzo e i suoi tre punti vendita di Colonnella, Scerne di Pineto e San Giovanni Teatino, con centocinque dipendenti rimasti a casa da un giorno all'altro, con i negozi serrati in seguito al fallimento della Shernon Holding srl decretata dal tribunale di Milano? Quali misure, quali iniziative, intende assumere il governo per trovare una soluzione adeguata e urgente, per una situazione gravissima e che interessa molte regioni, sulla quale è stato sì avviato un tavolo nazionale, ma che ad oggi non ha ancora prodotto alcuna soluzione praticabile e concreta a tutela dei lavoratori?".

Sono le domande alle quali intende dare una risposta l'interrogazione presentata da Stefania Pezzopane, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera, al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio.

"La chiusura di Mercatone Uno investe anche i clienti. "Vi sono molte segnalazioni di persone e famiglie - aggiunge la deputata Dem - che avevano acquistato beni, senza però riceverli. Alcuni clienti hanno pagato l'intero ammontare dovuto senza peròpoter ritirare il prodotto per la chiusura dei punti vendita; altri invece, ordinate le merci da catalogo, versato un anticipo e attivato un finanziamento, temono di aver perso i loro soldi, perche' il prodotto ordinato deve ancora essere realizzato dalla fabbrica. I clienti che hanno acceso il contratto con la finanziaria per l'acquisto di un determinato mobile con Mercatone Uno, non avranno il bene ordinato ma rischiano di dover continuare a pagare le rate del finanziamento. Conte e Di Maio, di fronte a questa situazione di enorme disagio, non possono stare alla finestra. Il governo deve tutelare lavoratori e clienti. Finora non lo ha fatto, non ha vigilato nè prima del perfezionamento dell'accordo avvenuto con questo governo, nè dopo. Avrebbe potuto prendere provvedimenti e tenere aperto il tavolo di crisi, invece ha solo dilazionato e rinviato la riunione richiesta dai sindacati. La beffa della riunione due giorni dopo i licenziamenti è uno schiaffo in faccia ai lavoratori. Ora - conclude Pezzopane - facciano qualcosa di utile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento