menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercatone uno, anche la Regione Abruzzo al tavolo con Di Maio per salvare i contratti

Il Governo si impegna a chiedere ed ottenere dal tribunale fallimentare di Milano la retrocessione del contratto di vendita dalla Shernon Holding all’amministrazione straordinaria

Anche la Regione Abruzzo, con l'assessore alle Politiche del Lavoro Piero Fioretti, ha preso parte ieri pomeriggio alla riunione convocata dal ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, sulla vertenza Mercatone Uno, già in itinere presso il Ministero.

Sabato scorso , la catena della grande distribuzione nel settore dell'arredo casa e degli elettrodomestici ha disposto la chiusura dei 55 punti vendita dislocati in tutta Italia dopo la dichiarazione di fallimento da parte del tribunale di Milano. Tre punti vendita sono in Abruzzo, dove operano 105 dipendenti: a San Giovanni Teatino (30 addetti), Scerne di Pineto (45 addetti) e Colonnella.

"Si tratta di una vertenza delicata - ha spiegato Fioretti - che interessa molte regioni, sulla quale il ministro Di Maio ha deciso di avviare immediatamente un tavolo nazionale anticipando la riunione che in un primo momento era stata fissata il 30 maggio".

I negozi Mercatone Uno erano stati rilevati lo scorso anno da Shernon Holding. L'obiettivo del tavolo di crisi, al quale hanno partecipato il ministro Luigi Di Maio, il capo di Gabinetto Giorgio Sorial, i commissari straordinari Tassinari, Coen e Sgaravato, le rappresentanze sindacali nazionali di Cgil, Cisl, Uil, Ugl e l’Ad di Shernon Valdero Rigoni e i  rappresentanti delle varie regioni nelle quali il gruppo è presente, è mettere in sicurezza i dipendenti di Mercatone Uno con misure di sostegno al reddito a seguito dell'eventuale ritorno del compendio all'amministrazione straordinaria. 

" Il Governo - riferisce Fioretti - si è impegnato a chiedere ed ottenere dal tribunale fallimentare di Milano la retrocessione del contratto di vendita dalla Shernon Holding all’amministrazione straordinaria, al fine di rimettere in piedi i contratti precedenti la cessione, attivare in tempi rapidi gli ammortizzatori sociali e riattivare i punti vendita almeno in esercizio provvisorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento