Economia Atessa

La Fiom scrive ai sindaci sulla Sevel: "Siamo stati discriminati"

Il sindacato ha scritto una lettera ai sindaci del comprensorio chiedendo una presa di posizione in merito al comportamento dell'azienda in Val di Sangro e annuncia uno sciopero per lunedì 16 aprile

La Fiom Cgil di Chieti accusa la Sevel di "discriminazione sindacale" e scrive una una lettera aperta ai sindaci del comprensorio per chiedere un intervento istituzionale nei confronti dell'azienda. Nella missiva annuncia anche lo sciopero indetto per lunedì prossimo, al quale parteciperà anche il segretario generale Maurizio Landini.

Dal 1°gennaio scorso il sindacato non ha una propria rappresentanza in fabbrica perchè non ha sottoscritto l'accordo del gruppo Fiat. "Non abbiamo alcuna agibilità sindacale - si legge nella lettera firmata dal segretario generale Di Rocco - e i nostri 800 iscritti, le 14 rsa ed i 140 dirigenti sindacali vivono una vera clandestinità all'interno dello stabilimento".

La Fiom, che ha presentato ricorso legale al giudice del lavoro del tribunale di Lanciano ed ora è in attesa del pronunciamento, stigmatizza anche il comportamento degli altri sindacati firmatari l'accordo Fiat che così facendo "tentano di escluderci dalla tornata elettorale del 18 e 19 aprile per eleggere unilateralmente la nuova rsa di stabilimento".

Per la Fiom i comportamenti di Sevel e delle altre organizzazioni sindacali rappresentano un attacco alle libertà dei lavoratori, "Chiediamo ai Sindaci - conclude la lettera - una presa di posizione per ripristinare i principi fondanti della Costituzione Italiana"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fiom scrive ai sindaci sulla Sevel: "Siamo stati discriminati"

ChietiToday è in caricamento