Economia

Lavori sulla provinciale per il rifugio Pomilio, Provincia: "Dalla Regione nessuna comunicazione"

Due giorni fa la Regione ha annunciato lo stanziamento di 400mila euro per la messa in sicurezza. Pupillo si chiede: "Perchè i fondi non sono stati assegnati alla Provincia?"

"È molto strano che il finanziamento annunciato dalla Regione per la strada provinciale Majelletta - Passo Lanciano venga comunicato prima alla stampa e poi alla Provincia".

A dirlo è il presidente della Provincia Mario Pupillo che ricorda come i fondi siano stati "inviati dal ministero dell' Economia  ma non sono destinati alla Provincia. Allora è utile ricordare, per fare chiarezza, che il comprensorio Passo Lanciano Majelletta ha ricevuto un finanziamento del Masterplan di 40 milioni di euro dalla giunta D’Alfonso che prevede lo sviluppo di questo giacimento turistico da valorizzare attraverso l’intervento dell’Arap che sta lavorando alla progettazione".

Per questo Pupillo pone una serie di questioni. "Gli attuali fondi di 400mila euro provengono dal Ministero e sono stati destinati dalla Regione all’Arap, come risorse  aggiuntive al Masterplan. Ci chiediamo perché non siano stati assegnati alla Provincia che è proprietaria della strada?  Sfiducia nella Provincia? Per accelerare i lavori? Eppure l’ex assessore Febbo, che ieri si è fato portavoce di questa notizia, è stato presidente della Provincia e molti dei funzionari sono stati suoi collaboratori. E’ scontato che se così fosse, l’ARAP o La Regione dovranno richiedere una convenzione o iniziare una co-progettattazione per effettuare i lavori su una strada di proprietà della Provincia. Ma in questo modo non si allungano i tempi?"  

Il presidente della Provincia, poi, ricorda che in questi mesi la Provincia, di fronte al silenzio della Regione, che nulla ha comunicato sulle sue intenzioni, dopo l’incontro di gennaio scorso, ha messo in atto tutte le risorse disponibili per iniziare a mettere in sicurezza il tratto di strada Majelletta Pomilio precluso al traffico per la sua pericolosità, dopo essere stata riconsegnata dal Parco della Majella alla Provincia dopo 15 anni. Costo previsto 400-500mila euro. In particolare la Provincia ha iniziato, con fondi propri, i lavori con la posa in opera di guard rail nei tre tornanti prospicenti la parte più pericolosa del percorso che costeggia il profondo dirupo, tratti particolarmente pericolosi ed in particolare con la neve e il ghiaccio. Sono state collocate barriere di altezza adeguata di 1,6 metri. L’impegno di spesa è stato di 100mila euro oltre ai lavori di asfaltatura". 

A questo punto Pupillo chiede che "l’Arap si attivi e prenda rapidamente atto delle azioni da sviluppare affinchè  progetti quanto da realizzare nella stagione estiva, sperando che i fondi ministeriali siano già disponibili. È importante avere la certezza del finanziamento destinato all’Arap altrimenti la Provincia dovrà inserire nell’imminente Piano triennale delle opere pubbliche. Attendiamo comunicazioni e chiarimenti per i canali istituzionali sempre pronti alla collaborazione per lo sviluppo del nostro territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori sulla provinciale per il rifugio Pomilio, Provincia: "Dalla Regione nessuna comunicazione"

ChietiToday è in caricamento