A Guardiagrele iniziano i lavori per l'illuminazione smart e in centro arrivano le lampade in ferro battuto

Il rifacimento totale della rete della pubblica illuminazione raggiunge così gli obiettivi stabiliti dal programma della Unione Europea “Europa 20 20 20” 

A Guardiagrele iniziano oggi (mercoledì 26 agosto) i lavori per il rinnovo della rete di pubblica illuminazione, sostituendo i vecchi corpi illuminanti con strutture più moderne, efficienti e in grado di garantire risparmio per le casse comunali. L'appalto è stato aggiudicato dalla Ceie Power spa di Guardiagrele.

Spiega l’assessore all’ambiente e all'innovazione Piergiorgio Della Pelle: “Abbiamo firmato il contratto che prevede la sostituzione di tutte le lampade della rete della pubblica illuminazione di Guardiagrele con moderni corpi illuminanti conformi alle norme, l'ampliamento della rete nei tratti che ne sono sprovvisti e la sostituzione, in centro storico, dei bracci esistenti con altri realizzati in artigianato artistico con ferro battuto".

Il rifacimento totale della rete della pubblica illuminazione di Guardiagrele raggiunge così gli obiettivi stabiliti dal programma della Unione Europea “Europa 20 20 20” circa la riduzioni delle emissioni di CO2, l'aumento dell'efficienza energetica e la produzione a fonti rinnovabili, contrastando anche l’inquinamento luminoso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oltre ad essere obbligati per legge regionale all’efficientamento - spiega Della Pelle - questa azione ci porterà a una riqualificazione anche in termini tecnologici e non solo ambientali. Oltre alla installazione di apparecchi di illuminazione di ultima generazione, la rete sarà telegestita con un sistema punto punto Philips City Touch, predisposto per i servizi Smart City, e con il quale si potranno controllare il corretto funzionamento delle lampade, regolare il flusso e anticipare esigenze manutentive. In questo modo, i cittadini non dovranno più segnalare disservizi o malfunzionamenti, ma il sistema di controllo segnalerà automaticamente i problemi e, in futuro, potrà essere utilizzato anche per nuovi servizi per una città intelligente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Pantafica, lo spaventoso spettro notturno secondo la credenze popolare abruzzese

  • Coronavirus: 54 nuovi casi in Abruzzo, la maggior parte in provincia di Chieti e c'è anche un morto

  • Coronavirus: altri 37 nuovi positivi, 11 nel Chietino

  • Coronavirus: un solo nuovo caso, ma c'è un morto per la prima volta dopo un mese un mezzo di tregua

  • La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

  • Coronavirus: oggi in Abruzzo 11 nuovi casi, 3 persone in terapia intensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento