Economia Vasto

Diga di Chiauci, Febbo: "Riserve sufficienti per fare fronte alle emergenze idriche estive"

Al via la seconda fase di riempimento dell'invaso Chiauci. Entro luglio l'assessore regionale dice che saranno accumulati 9,4 mln metri cubi d'acqua pari a 2/3 dell'invaso totale di 14 milioni di metri cubi

Lo scorso 26 marzo è partita la seconda fase dei lavori di riempimento dell'invaso della diga di Chiauci (Isernia): entro il prossimo mese di luglio verranno accumulate risorse idriche per 9 milioni e 400 mila metri cubi d'acqua pari a 2/3 dell'invaso totale di 14 milioni di metri cubi. Lo annuncia l'assessore regionale alle Politiche agricole Mauro Febbo. "Entro luglio 2012 - spiega - si procederà allo svuotamento del volume di acqua accumulato che sarà prezioso per far fronte all’emergenza idrica estiva. A svuotamento totale avvenuto, inizieranno di nuovo le verifiche da parte del RID che, nel caso in cui tutto avrà riscontro positivo, all’inizio del 2013 autorizzerà l’invaso totale (14.000.000 di metri cubi). Quindi, è questo un aspetto fondamentale, dal 2013 in poi, ogni anno, avremo a disposizione 14.000.000 metri cubi di acqua”.

Acqua che potrà essere utilizzata per uso agricolo e industriale nel Basso Molise e per i territori del Vastese e del Sangro.

“Grazie all’invaso di Chiauci, che ha un’importanza vitale per Abruzzo e Molise, si potrà finalmente mettere la parola fine a decenni di sofferenza idrica che hanno creato disagi ai cittadini, al comparto industriale e a quello agricolo. In questo modo – sottolinea il Presidente del Consorzio di Bonifica Sud, Fabrizio Marchetti – l’ottimo lavoro dell’amministrazione regionale si traduce in risposte concrete alle esigenze dell'intera comunità del Vastese e della Val di Sangro”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diga di Chiauci, Febbo: "Riserve sufficienti per fare fronte alle emergenze idriche estive"

ChietiToday è in caricamento