rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Economia Lanciano

Sconti sulla Tari per le utenze non domestiche, risparmiati 92mila euro grazie alla differenziata

Il consiglio comunale di Lanciano ha approvato le tariffe per il 2018: minimo aumento per le utenze domestiche, avvantaggiate le 1.726 attività produttive che l'anno scorso sono state involontariamente destinatarie di aumenti a causa di un'anomalia tecnica

C’è un minimo aumento per le utenze domestiche, calcolato mediamente in +0.7%: una famiglia di 3 persone in 100 metri quadri di abitazione pagherà 221,80 euro, 1,58 euro in più rispetto al 2017 (220,22 euro). La Tari 2018 potrà essere versata in quattro rate (da saldare entro il 31 maggio, 31 luglio, 30 settembre, 30 novembre) o in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2018. Gli avvisi saranno recapitati tramite posta ordinaria. Per le utenze domestiche è possibile calcolare l'ammontare del costo della Tari 2018 inserendo il numero dei componenti e i metri quadrati dell'abitazione sul sito del Comune di Lanciano.

“E’ stato rispettato l'impegno assunto dal compianto assessore Pino Valente nell'ultima conferenza stampa del maggio dello scorso anno - spiega l’assessore al Bilancio Carlo Orecchioni - un obiettivo centrato grazie a una sensibile riduzione pari a circa il 2% della quota Tari, ottenuta in gran parte con il dato della raccolta differenziata, costantemente sopra il 75% durante tutto il 2017. Il costo medio di Lanciano, 135 euro pro capite contro i 137 dello scorso anno, anche quest'anno è nettamente al di sotto della media regionale e nazionale. Per le utenze domestiche gli aumenti sono praticamente irrilevanti e mediamente pari allo 0,68%: per fare un esempio, una famiglia di 3 persone che abita in una casa di 110 metri quadrati, avrà un aumento dello 0,7% che corrisponde a 1,67 euro". 

Il sindaco Mario Pupillo ha annunciato che il prossimo anno toccherà alle utenze domestiche godere di una riduzione sulla Tari: “Grazie ai cittadini e al loro straordinario impegno con la raccolta differenziata - commenta - oggi possiamo registrare questo risparmio e abbiamo una città decisamente più pulita e decorosa. Inoltre, grazie ai minori conferimenti di indifferenziata, 2mila tonnellate in meno rispetto al 2017, anno in cui già si era registrato un meno 6mila tonnellate rispetto al 2016, la discarica di Cerratina di proprietà dei Comuni, quindi di tutti i cittadini, avrà una vita più lunga”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sconti sulla Tari per le utenze non domestiche, risparmiati 92mila euro grazie alla differenziata

ChietiToday è in caricamento