Il sindaco di Fossacesia incontra i balneatori per avviare l'estate in sicurezza

Si è discusso delle criticità e delle proposte per far partire la stagione nel rispetto delle regole

In vista dell'estate 2020, il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, questa mattina, ha riunito i balneatori, per discutere della ripresa delle attività in sicurezza. L'incontro si è tenuto nel giardino di palazzo dei Priori, nell'area monumentale di San Giovanni in Venere. 

Con i titolari degli stabilimenti balneari e il primo cittadino, c'erano gli assessori, il dirigente del settore Urbanistica, Domenico Moretti, il presidente regionale di Legambiente Giuseppe Di Marco e il presidente delle autolinee Di Fonzo, Alfonso Di Fonzo. 

Di Giuseppantonio ha messo sul tavolo tutte le criticità del momento, soprattutto quelle legate alla gestione delle spiagge libere del litorale di Fossacesia Marina, che rappresenta il nodo cruciale della prossima stagione balneare. 

“Abbiamo messo in campo tutto ciò che al momento possiamo permetterci attingendo alle esigue risorse di cui disponiamo – ha sottolineato nel suo intervento introduttivo il sindaco Di Giuseppantonio - Stiamo procedendo ad esempio alla pulizia e alle operazioni di livellamento della spiaggia, al costo di 10 mila euro. Procederemo alla sfalcio delle erbe per quanto di nostra compenza e ci auguriamo che anche la Provincia di Chieti faccia altrettanto per quelle presenti lungo la Via Verde. Stiamo individuando con gli uffici comunali competenti come e dove realizzare nuovi parcheggi. Stiamo per incontrare i vertici della società EcoLan di Lanciano, che cura la raccolta rifiuti nel nostro centro, per chiedere loro di intensificare la pulizia del territorio, soprattutto al mare e sulla spiaggia, dove anche per quest’anno sarà prevista una pulizia manuale giornaliera. È chiaro che oltre a tutto ciò, quel che ci preme maggiormente è assicurare l’accesso ai villeggianti nelle spiagge libere. È un problema su scala nazionale, sul quale mi auguro possano giungere indicazioni più chiare. Sono necessarie soprattutto per comprendere bene cosa dovranno fare i Comuni, se ci saranno le coperture finanziarie necessarie per garantire tutte quelle forme di sicurezza tese ad arginare la propagazione del virus e, al contempo, permettere a quanti vorranno, frequentare il nostro litorale”.

Legambiente e la società di trasporto Di Fonzo hanno riproposto, anche per quest’anno, il progetto di mobilità alternativa bike-treno e bike-bus, sperimentato lo scorso anno da Lanciano a Fossacesia e in altri centri costieri, grazie anche all’accordo con i titolari degli stabilimenti balneari, che hanno applicato sconti a quanti lo hanno utilizzato.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento