Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia

Imu day: il primo ottobre le imprese gridano la propria rabbia in piazza

La Cna scende in 15 piazze abruzzesi per chiedere alle amministrazioni comunali di contenere l'aliquota sulle attività produttive. Manifestazione a Chieti, Ortona, Vasto, Lanciano e San Salvo

Anche a Chieti il 1° ottobre prossimo arriva l'Imu day, giornata di protesta organizzata dalla Cna abruzzese dal titolo "Per non morire di Imu". 15 piazze abruzzesi grideranno la rabbia delle imprese contro una tassa ritenuta iniqua come l'Imu e chiederanno alle amministrazioni comunali di contenere l'aliquota sulle attività produttive al minimo livello possibile, ovvero il 4,6 per mille.

La protesta si terrà a Chieti, Ortona, Vasto, Lanciano, San Salvo, Sulmona,  Pescara, L'Aquila, Teramo, Montesilvano, Spoltore, Penne, Avezzano, Giulianova e Roseto.

"Un gazebo della confederazione artigiana regionale - spiega la Cna - resterà per l'intera mattinata davanti agli uffici comunali e illustrerà ai cittadini, prima degli incontri previsti con i primi cittadini, quanto elevata e ingiusta sia l'imposizione fiscale a carico delle imprese, e quali i rischi per i conti delle piccole imprese. Nulla impedisce ai Comuni abruzzesi di alleggerire l'Imu sugli immobili destinati ad attività produttive".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imu day: il primo ottobre le imprese gridano la propria rabbia in piazza

ChietiToday è in caricamento