rotate-mobile
Economia Casalincontrada

Impianto rifiuti Casalincontrada: la società conferma la sicurezza del progetto

Edilizia Colonnetta ha scelto di rivedere il progetto presentato due anni fa alla luce delle mutate condizioni economiche, assieme alla volontà di andare incontro alle richieste espresse dai cittadini

Edilizia Colonnetta fa alcune precisazioni dopo l’approvazione del nuovo progetto  per il recupero imballaggi da parte della Giunta Comunale di Casalincontrada.

“Come si ricorderà – spiegano i promotori dell’impianto -  il primo progetto, presentato nella sua originale stesura il 21 aprile 2011, è stato rinviato alla procedura di Valutazione di impatto ambientale dal Comitato CCR-VIA con la seguente motivazione: in considerazione della dimensione rilevante dell'intervento in un'area non urbanizzata, della presenza nelle aree limitrofe di case sparse ed attività di ristorazione, della rilevante quantità di terreno da sbancare che richiedono un più approfondito studio degli impatti ambientali del’intervento.

Decisione che ha fugato ogni dubbio sulla correttezza del procedimento amministrativo così come sull’eventuale pericolosità dei materiali lavorati, lasciando aperta solo la questione dimensionale della struttura in relazione alla sua ubicazione”.

Edilizia Colonnetta ha scelto di rivedere il progetto, prevedendone la riduzione da 19 a 12 mila metri quadrati, con la conseguente riduzione del volume dei materiali lavorati e la contemporanea esclusione di alcuni materiali la cui lavorazione era stata considerata potenzialmente pericolosa. “Prendendo spunto da queste motivazioni e alla luce delle mutate condizioni economiche, unita alla volontà di andare incontro alle richieste espresse dai cittadini.

Il nuovo progetto – precisano ancora -  nasce dunque da una scelta dettata principalmente da due elementi: da un lato dalla diversa valutazione dell’iniziativa imprenditoriale, essendo trascorsi due anni con notevoli conseguenze derivanti dall’immobilizzo degli investimenti destinati all’impianto; dall’altro dalla volontà di raccogliere le esigenze espresse dai cittadini e dal Comune di Casalincontrada tenendo conto del citato parere regionale sulle dimensioni della struttura”.

Il nuovo progetto sarà sottoposto alla valutazione Comitato CCR-VIA come previsto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto rifiuti Casalincontrada: la società conferma la sicurezza del progetto

ChietiToday è in caricamento