rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Economia

Immigrazione, il rapporto Unar: in provincia di Chieti gli stranieri sono 19.866

Presentato il dossier statistico: in Abruzzo i residenti stranieri nel 2013 sono aumentati del 12,5%. Nel chietino le quote più basse dei nuovi nati da genitori entrambi stranieri, gli iscritti allo scorso anno scolastico sono stati 3.185

Presentato il dossier statistico Immigrazione dell' Unar, l'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali istituito dalla presidenza del Consiglio dei ministri.

In Abruzzo i residenti stranieri  nel 2013 sono aumentati passando da 74.939 a 84.285, il +12,5%, a fronte di una popolazione complessiva di oltre un milione e trecentomila persone, rappresentando quindi il 6,3% del totale. Il 54,7% degli stranieri è di sesso femminile. Di questi, 23.869 sono nell'aquilano, 23.449 nel teramano, 19.866 nel chietino e 17.101 nel pescarese.

Se in Italia i nuovi nati da genitori entrambi stranieri hanno inciso per il 15,1% sul totale annuo delle nascite (77.705 su 513.308), in Abruzzo sono stati 1.192 su un totale di 10.791 nati nell'anno e hanno inciso nella misura dell'11%. Le quote più basse hanno riguardato Chieti (8,6%) e Pescara (7,5%).

LAVORO In Abruzzo sono stati concessi 3.522 nuovi permessi di soggiorno per motivi di lavoro, familiari e altro, a Chieti complessivamente ne sono stati rilasciati 553 (15,7%). Stando ai dati Inail, gli occupati nati all'estero che svolgono la loro attività in provincia di Chieti sono 17.000, secondi sono a Teramo con 19.640.  Nella regione è più elevata, rispetto alla media nazionale, sia la quota degli occupati in agricoltura (10,3%) che nell'industria (36,0%) è invece più ridotta la quota degli occupati nei servizi (48,0%).

"Nel contesto regionale - si legge nel dossier- a fare la differenza è stato il settore industriale imperniato sui piccoli distretti produttivi dislocati su tutto il territorio. La crisi economica, perdurante dal 2008, ha peròinfluito negativamente sul made in Italy originario dell'Abruzzo (legno e mobili, cuoio e tessuti, calzature), ridimensionando anche le possibilità d'inserimento degli immigrati".

Nel 2013 gli stranieri residenti in Abruzzo hanno inviato nelle loro nazioni d'origine 74.003.000 euro, di cui 14.267.000 dal chietino, i primi paesi di destinazione sono stati Romania, Senegal e Cina. Infine, nell'anno scolastico 2013-2014 le iscrizioni dei cittadini stranieri in Abruzzo sono state 13.245, nella provincia di Chieti 3.185 (24,1%).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione, il rapporto Unar: in provincia di Chieti gli stranieri sono 19.866

ChietiToday è in caricamento