Economia

Mancato intervento di Gatti sulla Sixty, Riccardo (Idv): "Non serve l'invito"

Creano indignazione le parole dell'assessore regionale Paolo Gatti, il quale, in merito alla vertenza Sixty, ha detto di non essere stato coinvolto dalla Rsu. Il coordinatore Idv: "Non c'è bisogno dell'invito per tutelare i diritti dei lavoratori"

Creano indignazione le parole dell'assessore regionale al Lavoro Paolo Gatti, il quale, in merito alla vertenza Sixty, ha detto di non essere stato coinvolto dall'azienda teatina e per questo non sarebbe intevenuto in merito. Infuocata la reazione dei sindacati e della politica antagonista.

"Complimenti vivissimi per la partecipazione con la quale l'assessore Gatti vive il dramma di centinaia di famiglie che rischiano di rimanere sul lastrico anche a causa della sua inadeguatezza politica - è il commento di Giampiero Riccardo dell'Idv  - Con le sue dichiarazioni, egli svuota di ogni contenuto il ruolo che è chiamato a incarnare e confonde il diritto costituzionale del lavoro e la tutela dei diritti dei lavoratori, con uno spettacolo teatrale per il quale c'è bisogno dell'invito. Inoltre, come per la vertenza Golden Lady di Gissi, la verità è una sola: l'assessore al Lavoro Gatti rappresenta sempre di più il suo collegio elettorale teramano e meno l' Abruzzo. E' arrivata l’ora di assumersi le sue responsabilità politiche e di metterci soprattutto la faccia per recuperare i 183 esuberi Sixty, trovare una soluzione per la ricollocazione dei 382 lavoratori Golden Lady e dei 100 dipendenti licenziati dalla cartiera Burgo di Chieti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancato intervento di Gatti sulla Sixty, Riccardo (Idv): "Non serve l'invito"

ChietiToday è in caricamento