menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Honeywell, il ministro Poletti si impegna per la Val di Sangro

Il Governo, con la risposta al question time del Ministro del lavoro, assume impegni che vanno nel senso della riconversione del sito industriale e della reindustrializzazione

La vertenza Honeywell arriva davanti al ministro del Lavoro Poletti dopo la decisione dell'azienda di chiudere lo stabilimento di Atessa entro aprile 2018.

Il ministro Poletti ha autorizzato la concessione del trattamento d'integrazione salariale straordinario per un massimo 337 dipendenti su 420. Rispondendo al question time, lo stesso ha assunto impegni importanti sulla Honeywell di Atessa che vanno nel senso della riconversione del sito industriale e della reindustrializzazione, favorendo nuovi investimenti produttivi nella Val di Sangro.

"Prendiamo atto di quanto detto e verificheremo la coerenza del Governo nei prossimi mesi - ha commentato Gianni Melilla, capogruppo MDP Commissione Bilancio della Camera - I 420 lavoratori dipendenti della Honeywell e i 150 dell’indotto non vanno lasciati soli. Le istituzioni, a partire dal Governo, devono chiedere e pretendere dalla Honeywell una chiara assunzione di responsabilità sociale nei confronti dei suoi lavoratori.

Delocalizzare la fabbrica di Atessa in Slovacchia - ha aggiunto - é una scelta inaccettabile dopo che la Honeywell ha usufruito per anni di contributi pubblici e sgravi fiscali dalla Stato italiano. MDP seguirà questa vertenza con grande rigore e ribadisce la sua vicinanza ai lavoratori che per due mesi, come Davide contro Golia, hanno scioperato con coraggio dando una lezione di dignità a tutto l’Abruzzo e all’Italia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento