Golden Lady, Chiodi: "Vertenza simbolo per la difesa del lavoro"

Nell'azienda di Gissi sono subentrate due proprietà salvando 365 posti di lavoro. Per il presidente della Regione è il segno che l'Abruzzo può attrarre nuovi investimenti. Gatti: "Le istituzioni hanno fatto la loro parte"

Il governatore Chiodi

Il positivo esito della vertenza Golden lady di Gissi, con la salvaguardia di 365 posti di lavoro, ed il subentro di due nuove proprietà, per il presidente della Regione, Gianni Chiodi, ha i connotati di una ''vertenza simbolo, rilevante sia sul piano della difesa del lavoro, sia sul piano della capacita' dell'Abruzzo di attrarre nuovi investimenti''.

''Vale la pena sottolineare - ha spiegato meglio Chiodi, stamane in conferenza stampa - che non solo non si delocalizza, ma imprenditori prestigiosi nel settore dell'alta gamma del made in Italy, trovano concrete le nostre politiche regionali di sostegno alle imprese, e maturo il contesto sociale ed istituzionale nel quale andranno a breve ad operare''. 

Anche l'assessore regionale al Lavoro, Paolo Gatti, non ha esitato a definire la vertenza ''l'unica con uno sbocco positivo a livello di tavolo ministeriale'', ritenendola ''una buona soddisfazione per tutta la comunita' abruzzese ed anche un segnale di fiducia nella triste congiuntura del momento, dove si perdono tanti posti di lavoro in Italia''. Per l'Assessore, inoltre, se e' vero che gli imprenditori ''hanno declinato tutti una vera responsabilita' d'impresa, a comiciare dalla Golden lady, che si e' spesa per trovare nuovi investitori, e' altrettanto vero che le istituzioni hanno fatto la loro parte''. '

'Comincia ora il vero lavoro - ha anticipato Gatti - monitorare le succesive fasi di applicazione degli accordi sottoscritti a Roma che, a partire dal primo luglio, prevendono le prime assunzioni. Da parte della Regione abbiamo garantito la possibilita' di accedere alle nostre politiche industriali, che vanno dagli sgravi fiscali, al credito d'imposta, alla formazione on the Job, ad una velocizzazione delle autorizzazioni che dovranno essere rilasciate''.

Di impegno di ''tutto il territorio e di ottime capacita' relazionali tra imprenditori, istituzioni, lavoratori e sindacati ha parlato il presidente della Commissione consiliare Industria, Nicola Argirò. La New Trade srl e la Holding Silda (che hanno rilevato lo stabilimento di Gissi), dal canto loro, hanno ribadito la volonta' di investire e di potenziare il sito abruzzese, in un'ottica di rilancio del made in Italy che investe in queste ore tutto il sistema industriale ed imprenditoriale italiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I processi di espansione e di ingrandimento annunciato dalle aziende saranno monitorati dalla Regione. ''Nessuno deve deludere chi ha creduto in questo progetto di rinascita del sito di Gissi - ha esortato in conclusione Gatti - e chi ha avuto fiducia nella capacita' del tessuto sociale ed imprenditoriale abruzzese di rinascere dalle proprie qualita' fatte di competenza e di tenacia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Prorogate tutte le zone rosse: non si può entrare e uscire fino al 13 aprile

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi in Abruzzo: ci sono 78 nuovi casi

  • È scomparso ad Arielli il "poeta agricoltore" Tommaso Stella

  • Coronavirus, morte altre 13 persone: ci sono anche due teatini e due uomini della provincia

Torna su
ChietiToday è in caricamento