Economia

Forest Oil: alcune precisazioni sulle dichiarazioni di Confcommercio

La multinazionale chiede di replicare a quanto dichiarato da Confcommercio sostenendo che le proprie attività nel territorio di Bomba avranno delle ripercussioni positive anche dal punto di vista turistico

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Forest CMI intende fornire alcune precisazioni in merito a quanto recentemente dichiarato dalla Confcommercio Chieti sull'impianto di produzione e trattamento di gas che intende realizzare nel Comune di Bomba.

Vogliamo ricordare all'Associazione che il progetto Forest Oil sarà in grado di generare un indotto pari a 15 milioni di euro, di cui potrebbero beneficiare anche gli iscritti di Confcommercio.

Questo dato è stato elaborato su richiesta dell'azienda e comprende, tra l'altro, le positive ricadute per attività alberghiere, di ristorazione e commerciali. L'impatto per l'indotto è stato calcolato facendo riferimento a progetti analoghi per settore e dimensioni dell'investimento.

L'associazione farebbe bene, a nostro parere, a tenere nella dovuta considerazione questo aspetto, come hanno già fatto altre associazioni di categoria- Confindustria in primis- che invece hanno dato pieno appoggio alla Forest.

Inoltre, l'affermazione che il progetto Forest Oil penalizzerà il turismo nella zona di Bomba non ci trova d'accordo.

E' vero semmai il contrario: le attività della Forest Oil faranno crescere il turismo d'affari, legato a tutte le persone che lavoreranno in loco per costruire e gestire l'impianto, mangiando e pernottando in strutture locali. Tutto questo aiuterà il settore turistico nella sua componente business e sarà un'opportunità da cogliere per il settore locale, a differenza di quanto fatto in altre occasioni, come ad esempio per la gestione delle strutture usate per i Giochi del Mediterraneo del 2009.

Gli effetti positivi per il turismo sarebbero, inoltre, ulteriori benefici per tutto il settore, qualora venisse realizzato e opportunamente promosso l'eco-parco fluviale, progetto che Forest CMI supporta sin dall'inizio.

L'azienda coglie l'occasione di queste precisazioni per invitare Confcommercio Chieti a un dialogo aperto e costruttivo, anche attraverso incontri diretti, finalizzati ad approfondire le reciproche esigenze delle parti.

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forest Oil: alcune precisazioni sulle dichiarazioni di Confcommercio

ChietiToday è in caricamento