Fondo emergenze, dal Mibact 50 milioni per sostenere musei e luoghi della cultura non statali

Pubblicato l'avviso per il riparto di quota parte del fondo emergenze imprese e istituzioni culturali destinata al sostegno dei musei e dei luoghi della cultura non statali

Entro il 17 agosto anche i musei e i luoghi della cultura non statali dell'Abruzzo (musei comunali, diocesani, provinciali, pinacoteche civiche) potranno attingere al fondo di 50 milioni di euro stanziato dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. Tali risorse provengono dal fondo emergenza imprese culturali, istituito con il decreto “Rilancio” varato dal Governo lo scorso 19 marzo, che destina 210 milioni di euro al sostegno del mondo del libro, dei musei non statali e dei grandi eventi, fiere, mostre, congressi e spettacoli annullati a causa dell’emergenza Covid.

Le risorse saranno destinate ai musei civici, ai musei diocesani e agli altri musei e luoghi della cultura non statali pubblici o con personalità giuridica che faranno domanda secondo le scadenze e nelle modalità che verranno pubblicate sul sito della Direzione generale musei. Tali risorse verranno ripartite tra i soggetti richiedenti in misura proporzionale ai minori introiti derivanti dalla vendita di biglietti nel periodo che va dal 1 marzo al 31 maggio 2020 rispetto all’analogo periodo del 2019.

Le richieste di contributo dovranno essere inviate esclusivamente online collegandosi al sito fondoemergenzeculturali.beniculturali.it, entro il 17 agosto 2020.​

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Zona rossa in Abruzzo: Marsilio ha firmato l'ordinanza

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento