Fiom: raggiunto l’accordo con la Gir Sud, si lavora per l'intero comparto

Dopo lo sciopero di ieri continua il lavoro della Fiom Cgil per salvaguardare gli operai. Raggiunto l'accordo per l'attivazione del Contratto di solidarietà per 107 dipendenti su 111 addetti

un momento della protesta sidnacale ieri a Chieti

Dopo lo sciopero di ieri (6 dicembre) contro l'accordo per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici che non coinvolge i lavoratori, continua il lavoro della Fiom Cgil per salvaguardare gli operai.

Tante vertenze di realtà produttive in crisi della provincia di Chieti che fanno presagire un 2013 ancora più drammatico sul piano del lavoro  e dell’occupazione. C'è la Honda in Val di Sangro, per fare un esempio, coinvolta in un processo di riorganizzazione difficile: per la Fiom è necessario definire un piano industriale serio e credibile per consolidare il  sito produttivo salvando così lo stabilimento di Atessa e i massimi livelli occupazionali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma occorrono nuovi modelli e nuovi prodotti, investimenti pubblici e privati per rilanciare l’occupazione - spiega Mario Codagnone del sindacato -  Tutte le Istituzioni  e le imprese devono produrre azioni concrete per creare lavoro ed rilanciare l’occupazione.

Oggi, presso l’Associazione Industriale di Vasto, è stato raggiunto l’accordo tra la Gir Sud di Gissi, Fiom, Fim, Uilm e la RSU sull’attivazione del Contratto di solidarietà per 107 dipendenti su 111 addetti. "Tutto questo a seguito della insufficienza dei volumi produttivi - continua Codagnone -  La Gir Sud lavora per il settore automotive che vive una forte crisi da qualche anno. I contratti di solidarietà sono, in questa fase,l’unico strumento per evitare i licenziamenti, salvaguardare l’occupazione e dare più tempo alle imprese serie di potersi riprendere e rilanciarsi. Il lavoro comune di tutto il sindacato - conclude - deve essere quello di lottare per il lavoro, il reddito e la sicurezza dei lavoratori, per il rifinanziamento da parte del Governo della cassa in deroga e dei contratti di solidarietà per dare futuro e speranza a tutti".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

  • Rallentano i decessi: cinque anziani morti nelle ultime ore, uno è di Ortona

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

Torna su
ChietiToday è in caricamento