rotate-mobile
Economia

Expo Dubai, 26 imprese abruzzesi protagoniste con l'Arap del processo di internazionalizzazione

Intesa per individuare, nelle aree industriali, i luoghi meglio coincidenti con le esigenze di sviluppo delle tecnologie di produzione di idrogeno da fonti rinnovabili

L'Abruzzo è ancora in vetrina a Dubai: sono 26 le imprese che dal 21 al 23 marzo saranno all’Expo di Dubai, dopo aver aderito alla manifestazione di interesse indetta da Arap. Un evento che creerà le premesse per entrare a far parte di un circuito internazionale in grado di strutturare accordi di natura internazionale, facendo leva sia sui fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza sia sui benefici derivanti dalla Zona Economica Speciale. È quanto emerso questa mattina nel corso di una conferenza stampa indetta dal presidente di Arap, Giuseppe Savini, dove c'erano il presidente della Regione Marco Marsilio e  l’assessore allo Sviluppo economico, Daniele D’Amario.

"La terza settimana di missione abruzzese a Dubai – ha affermato Marsilio – ci consente di certificare il raggiungimento di ottimi risultati da parte delle nostre imprese, ben supportate dalle istituzioni. Del resto, la presenza della Regione Abruzzo a Dubai, finora non solo è stata molto dignitosa e pragmatica ma consentirà, in questa terza fase, a 26 imprese del nostro tessuto produttivo, che hanno risposto ad un bando, di aprirsi ulteriormente ai mercati internazionali, non solo a quelli degli Emirati Arabi".

Molti i contratti firmati e i rapporti commerciali intauratisi su scala internazionale. "L’obiettivo ambizioso – ha rivelato Marsilio – è quello di trasformare l’Abruzzo in una terra dell’innovazione e della ricerca ispirando una sinergia forte tra ricerca pura e ricerca applicata che si giovi della presenza sul territorio da un lato del polo farmaceutico e dall’altro di quello legato all’automotive”.

Regione Abruzzo ed Arap, attraverso la firma di un protocollo di intesa volto ad individuare, nelle aree industriali, i luoghi meglio coincidenti con le esigenze di sviluppo delle tecnologie di produzione di idrogeno da fonti rinnovabili, hanno favorito la stipula di un’intesa fondamentale tra Arap e Dii, incubatore internazionale comprendente i principali soggetti del settore come partner associati e azionisti presenti in 25 paesi di Medio Oriente e Nord Africa. Un accordo che permetterà di accelerare la transizione energetica e creare le condizioni affinchè l’Abruzzo diventi strategico nella produzione e nello stoccaggio dell’idrogeno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Expo Dubai, 26 imprese abruzzesi protagoniste con l'Arap del processo di internazionalizzazione

ChietiToday è in caricamento