I gestori di locali non dovranno pagare la tassa per il suolo pubblico fino a ottobre

È la misura del Comune di Chieti per aiutare le attività commerciali, che dovranno presentare istanza all'ufficio competente

Esenzione dalla tassa per l'occupazione del suolo pubblico, dal 1° maggio al 31 ottobre 2020, per i titolari di concessioni o autorizzazioni di Chieti. 

Lo ha deliberato la giunta Di Primio, per supportare la ripresa di ristoranti, trattorie, tavole calde, pizzerie, birrerie, pasticcerie, gelaterie, bar, caffè. Lo comunica l'assessore al Commercio, Giuseppe Giampietro. 

I titolari delle concessioni possono inviare l’istanza utilizzando l’apposita modulistica pubblicata sul sito Internet del Comune di Chieti, con allegata la sola planimetria. La domanda non necessita dell’applicazione dell’imposta di bollo. L’inoltro, oltre che nella modalità telematica, potrà avvenire anche con consegna a mano al protocollo generale dell’Ente.

Entro 7 giorni dal ricevimento dell'istanza, a condizione che la pratica risulti completa al momento dell'invio, l'ufficio Commercio si occuperà della conclusione dell’iter istruttorio e rilascerà il titolo autorizzatorio. 

"Il controllo e la verifica sul rispetto dell’occupazione - spiega l’assessore - potrà essere fatto anche a campione sulla base delle dichiarazioni rese dai richiedenti».

I richiedendi dovranno attenersi alle seguenti misure:

  1. tavoli e sedie possono essere collocati anche in corrispondenza della facciata di altre attività, previo consenso scritto dei gestori o, nel caso lo spazio sia sfitto, dei proprietari;
  2. per la collocazione di tavoli e sedie è consentito l’utilizzo di aiuole, aree verdi, e/o piazze poste nelle vicinanze dell’attività. Qualora l’occupazione riguardi spazi sul lato opposto dell’esercizio, tale occupazione sarà consentita compatibilmente al traffico che si sviluppa abitualmente in luogo. Inoltre, se le condizioni generali lo richiederanno, per garantire la sicurezza durante l’attraversamento della strada, dovranno essere realizzate tutte le opere necessarie a tal fine e in particolare, se verrà ritenuto necessario, eventuale attraversamento pedonale, secondo le indicazioni del comando di polizia locale e con oneri a carico del richiedente;
  3. non è consentita la collocazione di tavoli e sedie in spazi dedicati a parcheggio senza specifico provvedimento da parte dell’ufficio traffico che preveda idonea protezione verso la carreggiata su strade con traffico e verifichi condizioni compatibili con la sicurezza stradale;
  4. nelle aree destinate a dehor, qualora risulti compatibile con la dimensione del nuovo spazio occupato è auspicabile la presenza di verde con funzioni perimetrali;
  5. tutte le aree utilizzate, con particolare riferimento ad aiuole e aree, debbono essere ripristinate nel loro integrale stato e decoro al termine dell’occupazione.

1 h

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

  • Sospesi gli scavi in piazza San Giustino: ora servono finanziamenti per non rinunciare alla valorizzazione del sito

Torna su
ChietiToday è in caricamento