menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza coronavirus, il Wwf: "L'Abruzzo rinasca regione verde d'Europa"

Il Wwf ritiene necessario ripartire da aree protette, natura, economia circolare e qualità della vita

Il Wwf Abruzzo guarda oltre l'emergenza Coronavirus e detta alcune condizioni per la ripartenza della regione. Innanzitutto secondo l'associazione del covid-19 dagli animali all'uomo "è stato facilitato - spiega il delegato Abruzzo - dalla progressiva distruzione e modificazione degli habitat naturali, mentre l’inquinamento e modelli di sviluppo ormai superati (cemento, petrolio e discariche) hanno contaminato le basi della nostra salute. Errori fatali, dettati spesso dalla non conoscenza o peggio dalla ricerca della ricchezza per pochi a scapito della salute di tanti".

L'associazione per la tutela della natura rilancia un’azione coordinata dai parchi nazionali, eccellenze di conservazione riconosciute a livello internazionale, con il pieno coinvolgimento delle aree protette regionali. 

"Dentro questo quadro - dichiara Filomena Ricci, delegato regionale del Wwf - l’Abruzzo deve rinascere regione Verde d’Europa, con la forza della sua natura e dell’economia circolare. Le aree protette, con il loro grande patrimonio di biodiversità e di ecosistemi naturali, restano lo strumento principale per preservare la nostra salute e il nostro benessere. Sono un laboratorio di sostenibilità applicata e devono tornare a essere uno dei pilastri dell’Abruzzo che verrà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento