rotate-mobile
Economia

Edilizia, rinnovato il contratto integrativo unico a Chieti e Pescara

Il responsabile Filca-Cisl Chieti, Reale: “Prima volta nella storia delle due provincie”

Un aumento economico pari a 92 euro (a partire dal primo livello) nel contratto integrativo unico edilizia industria rinnovato nelle province di Chieti e Pescara. Le segreterie territoriali di Feneal- Uil– Filca-Cisl e Fileea-Cgil hanno infatti sottoscritto con l’Ance Chieti/Pescara un verbale di accordo per il rinnovo del contratto. A riferirlo è la Filca-Cisl Chieti.

“Il contratto sottoscritto a livello territoriale - dichiara il responsabile territoriale della Filca-Cisl Chieti, Gianfranco Reale - conferma la bontà di un modello di relazioni industriali. Si tratta, per la prima volta nella storia delle due province, di un contratto integrativo unico per tutti i dipendenti edili (operai e impiegati), che prevede il riconoscimento pieno dell’elemento economico variabile (EVR) nella misura del 6%, della indennità di mensa ad euro 0,60 per ogni ora di lavoro (sia per operai che per impiegati), e della indennità di trasporto ad euro 0,35 per ogni ora di lavoro per gli operai ed euro 57,00 al mese per gli impiegati. Inoltre, l’accordo annuncia anche l’omogeneizzazione delle prestazioni extracontrattuali per gli operai edili”. 

Le parti, come evidenzia la Filca Cisl, hanno sottoscritto un verbale di accordo per la fusione delle Casse Edili e Scuole Edili di Chieti e di Pescara. “L’intesa - conclude Reale - ha una valenza sociale ed economica importante e nei prossimi giorni saranno convocate le assemblee nei luoghi di lavoro e nelle sedi zonali del sindacato”.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia, rinnovato il contratto integrativo unico a Chieti e Pescara

ChietiToday è in caricamento