Mercoledì, 19 Maggio 2021
Economia

Di Paolo sollecita il Comune ad aderire alla rottamazione di multe e tributi

La possibilità fornita agli enti locali dalla legge di Bilancio dà tempo alle amministrazioni fino al 31 marzo prossimo, per consentire ai cittadini di sanare multe o imposte non pagate dal 2000 al 2016

Il capogruppo di Giustizia Sociale, Bruno Di Paolo, sollecita il Comune a seguire l'esempio di San Giovanni Teatino, cogliendo l’opportunità offerta dal decreto fiscale allegato alla Legge di Bilancio, la cosiddetta “rottamazione delle cartelle esattoriali”.  Il decreto legge n.193/2016, infatti, dà la possibilità ai Comuni di recuperare i tributi locali e multe non pagati negli ultimi 16 anni, concedendo ai cittadini la possibilità di estinguere il debito nei confronti dell’Amministrazione versando solo l’importo del tributo, al netto di sanzioni e maggiorazioni ulteriori.

"Da un lato - spiega Di Paolo - ci sarebbe il recupero da parte del Comune di imposte e tributi non versati per diversi milioni, come Ici, Imu, Tasi, Tari, Tares, Tarsu, Tosap e Oneri Concessori. Dall'altro, l’opportunità per il cittadino di sanare la propria posizione debitoria senza sanzioni e con dilazione di pagamenti, per tutte le ingiunzioni fiscali notificate dal 2000 al 2016. Un atto che risulterebbe molto utile, per il riallineamento fiscale, anche ai commercianti e piccoli imprenditori che non possono e non devono essere considerati “furbetti” o, addirittura, “evasori” solo perché, a causa della lunga forte crisi, si sono trovati in difficoltà economica tale da non poter adempiere a tutti gli obblighi tributari comunali".

Dal Comune di Chieti, per il momento, nessuna comunicazione ufficiale in merito alla volontà politica di aderire o meno alla definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento, ma c'è tempo fino al 31 marzo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Paolo sollecita il Comune ad aderire alla rottamazione di multe e tributi

ChietiToday è in caricamento