rotate-mobile
Economia Atessa

Di Giuseppantonio su Marchionne alla Sevel: "Sarà un investimento che porterà occupazione"

Il presidente della Provincia interviene sulla visita dell'a.d. Fiat in Val di Sangro: "Sevel resta un punto di riferimento nelle politiche industriali d'Europa"

"Le prospettive di sviluppo industriale esposte dall'amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne mi lasciano soddisfatto e mi fanno ben sperare per il futuro della nostra terra, che con Sevel rappresenta da decenni un punto di riferimento nel settore dell'automotive per l'intera Europa".

Il Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, interviene a margine della visita di Marchionne in Val di Sangro, presso gli stabilimenti di Sevel, la joint venture che produce i Ducato marchiati Fiat, Peugeot e Citroen.

Ieri in Abruzzo l'amministratore delegato Fiat ha annunciato un investimento di oltre 700 milioni di euro per lo stabilimento nell’arco dei prossimi cinque anni

"Significano tanto - commenta il presidente Di Giuseppantonio - e rendono chiare le strategie del gruppo in Val di Sangro: è evidente infatti che l'obiettivo è restare all'avanguardia nell'automotive e rendere ancor più efficienti i processi produttivi del Ducato, veicolo leader nella sua categoria. Dopo oltre trent'anni le politiche industriali adottate nel nostro distretto industriale incidono ancora su quanto avviene nel resto dell'Europa.

Accolgo l'appello che Marchionne ha lanciato - prosegue il presidente - e a un patto chiaro e rispettoso tra parti sociali e istituzioni, rilanciando la stagione dei diritti e dei doveri. Si salvaguardino l'Abruzzo e gli abruzzesi che ogni giorno contribuiscono a rendere Fiat una grande realtà globale. L'ho sempre sostenuto e oggi sono ancor più convinto del fatto che quando l'Abruzzo gioca in squadra, è capace di fare grandi cose. E i risultati non tarderanno".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Giuseppantonio su Marchionne alla Sevel: "Sarà un investimento che porterà occupazione"

ChietiToday è in caricamento