Economia

Tagliate le delege al direttore di Teateservizi, Festa: "Necessario per riorganizzare le troppe cose che vanno male"

L'amministratore unico Carlo Festa parla di "situazioni ereditate” e procede a una nuova riorganizzazione della società partecipata suddividendo i compiti della governance. Qualche giorno fa il M5S aveva definito "irregolare" la nomina del direttore Barbone

Ha generato qualche perplessità la decisione dell’amministratore unico di Teateservizi, Carlo Festa, di concentrare in capo al direttore generale Barbone (designato dall’allora amministratore unico della Teateservizi, Valerio Visini, su una rosa di 14 candidati) tutte le competenze relative ai tributi e alle riscossioni e lasciare tutto il resto all’amministratore unico. 
“Grazie a questa operazione – spiega Festa - il direttore, sgravato da tutte le altre incombenze, avrà il compito di riorganizzare le troppe cose che vanno male in Teateservizi, situazioni spesso ereditate e che meritano di una attenzione particolare per essere risolte nel più breve tempo possibile”.

L’obiettivo della società partecipata è dimostrare all’amministrazione comunale e al collegio dei revisori, che ha preso atto dell’operazione di riorganizzazione nel corso di un incontro tenutosi la scorsa settimana, che Teateservizi oltre a poter raggiungere quegli standard che le sono stati chiesti perché il Comune possa finalmente incassare i tributi e le tasse dei cittadini è anche, da un punto di vista tecnico, un soggetto economico più “conveniente” rispetto ad altri deputati alla riscossione.

“La governance della Teateservizi, nella persona dell’amministratore unico e del direttore, ha come unico obiettivo il raggiungimento dei massimi livelli qualitativi delle attività gestite dalla società per conto del Comune di Chieti, in particolare quelli legati alla riscossione che, ad oggi, non sono stati ancora pienamente raggiunti – dice ancora Festa - La dislocazione della sede della società a piazza Carafa, la nuova organizzazione, il rinnovato sistema informatico sono, inoltre, gli elementi aggiuntivi che ci aiuteranno a dare una risposta alle richieste di efficienza ed efficacia provenienti dal aindaco Di Primio.

Come amministratore unico della Teateservizi – conclude– mi occuperò, invece, di tutti gli altri servizi extrariscossione, effettuando una valutazione accurata di quelli che sono già ad un buon livello, conservandone quindi gli standard raggiunti, e di quelli che, ancora oggi, non hanno una capacità di auto sostentamento economico, migliorandone, quindi, l’autosufficienza”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagliate le delege al direttore di Teateservizi, Festa: "Necessario per riorganizzare le troppe cose che vanno male"

ChietiToday è in caricamento