Decreti “Cura Italia” e “Liquidità”: finanziate quasi 10mila imprese abruzzesi, provincia di Chieti in cima

Come spiega la Cna, l'Abruzzo è la quinta regione d’Italia in rapporto alle aziende attive, il 95% per importi fino a 25mila euro

Sono 9.519 le domande degli imprenditori abruzzesi accolte fino ad ora per i finanziamenti previsti dai decreti “Cura Italia” e “Liquidità”, dopo l’attività istruttoria delle rispettive banche. Ad analizzare i dati è la Cna Abruzzo che spiega come al 24 maggio, due giorni fa, sono state complessivamente finanziate il 7,58% (7,14% media Italia) delle imprese abruzzesi attive: dato che pone l’Abruzzo al quinto posto dietro Marche, Emilia-Romagna, Lombardia e Toscana. Tradotta in cifre assolute, la fetta di finanziamento arrivata in Abruzzo è pari a 337 milioni, 167mila 422 euro, con un importo medio pari a 35mila 821 euro (ma con una media Italia sensibilmente più elevata, fissata com’è a quota 44mila 540 euro).

Tra le province abruzzesi, Chieti resta di gran lunga in cima alla graduatoria, con 3.163 pratiche, per oltre 102 milioni di euro e un importo medio che però è, paradossalmente, il più basso di tutta la regione: 32mila 259 euro. Rapporto rovesciato per il Teramano, provincia con il più basso numero di pratiche presentate (2.001) ma l’importo medio più alto erogato: 38mila euro. Con L’Aquila (2.328 pratiche per 36mila 803 euro di media) e Pescara (2.027; 35mila 908 euro) nel mezzo.

La più alta richiesta riguarda le pratiche di finanziamenti fino a 25mila euro, tipico taglio scelto dalle imprese di minori dimensioni: 9.008 le domande ammesse al finanziamento, ovvero quasi il 95% del totale, con 175 milioni e 672mila euro in totale erogati.

"Così come avevamo criticato di recente la lentezza del sistema bancario nel rispondere alle esigenze di un sistema produttivo colpito al cuore dall’emergenza Covid-19, siamo oggi pronti a riconoscere che c’è stato un cambio di passo che pure avevamo sollecitato- dichiara presidente regionale di Cna Abruzzo, Savino Saraceni - quanto al rapporto con le banche, pur apprezzando alcune positività come il potenziamento degli strumenti online, le imprese hanno lamentato nel rapporto con gli istituti di credito lentezza nei tempi di lavorazione, eccesso di documentazione richiesta, farraginosità nella gestione delle pratiche. Limiti che speriamo possano essere superati in queste settimane, assicurando alle imprese una liquidità oggi vitale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

  • Coronavirus: 560 nuovi contagi e 12 morti in Abruzzo nelle ultime 24 ore

  • Cos’è il saturimetro e perché averne in casa uno in questo periodo di emergenza sanitaria

Torna su
ChietiToday è in caricamento