Sabato, 31 Luglio 2021
Economia

Il Comune cerca fondi per mense e rifiuti, ma deve tagliare sugli altri servizi

Riunione della giunta con i dirigenti: le priorità sono pagare Formula Ambiente, Ladisa e Chieti Solidale, ma bisogna trovare i fondi

Si lavora a una soluzione per evitare il blocco della raccolta dei rifiuti e di altri servizi essenziali, dopo la proclamazione dello stato di agitazione dei lavoratori di Formula Ambiente. Il Comune di Chieti, infatti, deve al consorzio che si occupa dell'igiene pubblica cittadina oltre 5 milioni di euro. Per questo, gli stipendi e i servizi sono a fortissimo rischio. 

Il sindaco Umberto Di Primio assicura che correrà ai ripari, trovando il modo per onorare i debiti dell'ente e non causare disagi ai cittadini, ma la situazione è seria. 

Stamani, il primo cittadino si è riunito a lungo con la giunta, i dirigenti dei vari settori e i rappresentanti di alcune delle aziende che erogano servizi per conto dell'ente, nel tentativo di trovare una soluzione. Ma l'unico provvedimento possibile, al momento, è tagliare da un lato, per evitare il blocco dei servizi. 

Le priorità, spiega Di Primio, sono i fondi per Formula Ambiente, per la Ladisa ristorazione, che gestisce la refezione scolastica, e per Chieti Solidale, già gravata da un taglio dei servizi richiesti dall'ente. Nel pomeriggio di oggi, ci sarà un municipio un ulteriore vertice fra i rappresentanti del consorzio di gestione dei rifiuti e i dirigenti comunali. 

L'unica cosa chiara, è che i fondi non ci sono, ma vanno trovati. Giunta e dirigenti si stanno impegnando, spiega il sindaco, per 

indicare un percorso che dovrà trovare soluzioni all’interno del redigendo bilancio di previsione, al fine di affrontare le emergenze di carattere economico-finanziario che ci sono verificate nel corso di questi mesi. La priorità è quella di garantire la continuità dei servizi indispensabili, effettuando delle scelte sugli altri servizi e rinunciando a quelli che oggi non sono sostenibili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune cerca fondi per mense e rifiuti, ma deve tagliare sugli altri servizi

ChietiToday è in caricamento