Economia

Al via il crowdfunding per il romanzo sul calcio di provincia del cronista frentano Rapino

Dopo diverse pubblicazioni sulla storia del calcio lancianese, il giornalista lancia la raccolta di fondi per il primo romanzo inedito, scritto nel 2007

Andrea Rapino

Da anni racconta il calcio lancianese e il territorio frentano su giornali cartacei e online. Una passione, la sua, che ha dato vita a diverse pubblicazioni sulla storia del calcio lancianese e, nel 2013, al romanzo "Giorni ruggenti". E oggi il giornalista frentano Andrea Rapino, più noto come "Cespu", chiama a raccolta i suoi lettori abituali per la pubblicazione del primo romanzo, scritto nel 2007, ma inedito. Nato nel 1973 a Lanciano, dove tuttora vive e lavora, Rapino si è laureato in Storia all'università di Bologna e ha poi conseguito un master in Giornalismo all'università Tor Vergata di Roma. 

Oggi, dopo anni a spulciare gli archivi di tutto Abruzzo - e non solo - per ricostruire le pagine storiche più belle del calcio lancianese, tramite un'iniziativa di crowfunding online, il cronista sportivo mira alla pubblicazione di "Banda San'Antonio". Che cos'è esattamente il crowdfunding? Si tratta di una raccolta di fondi online, per conseguire un obiettivo comune. In questo caso, basta un versamento per preordinare una copia del libro, in versione cartacea o e-book, e consentirne la pubblicazione. 

Una sorta di romanzo di formazione, ambientato negli anni Zero di questo secolo, che racconta della vita di un gruppo di amici d'infanzia sui 30 anni, appassionati di calcio e dell'Artemide, squadra di provincia che milita nella quarta serie nazionale. 

Nell’interminabile passaggio dall’adolescenza all’età adulta quasi tutti restano in casa pur di coltivare comodamente i propri vizi, nonostante una famiglia che invece li vorrebbe sistemati o almeno più responsabili. Giuseppe, voce narrante della Banda, fa costantemente i conti con insoddisfazioni generiche, fallimenti sentimentali e varie asperità della vita. Dietro ogni angolo ritrova un’università lasciata a metà e le frustrazioni della fabbrica dove lavora.

E il romanzo si accende tra una nuova lotta di classe del terzo millennio e i campanilismi di provincia, tra i vari paesi, e persino tra centro e contrade della stessa località. Ma, alla fine, le discriminazioni vengono abbattute. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via il crowdfunding per il romanzo sul calcio di provincia del cronista frentano Rapino

ChietiToday è in caricamento