Martedì, 19 Ottobre 2021
Economia

La crisi cambia la città: meno negozi tradizionali, più bar e ristoranti

L'analisi di Confesercenti Abruzzo: in dieci anni le attività 'food' sono cresciute del 12,3%

Meno negozi tradizionali, più attività legate al food. È la fotografia delle città abruzzesi dopo dieci anni di crisi, secondo una ricerca condotta dalla Confesercenti su dati Movimprese.

 Comparando i dati del 2006, ultimo anno pre-crisi, con quelli del 2017, emerge infatti che l’economia abruzzese ha perso 3.838 negozi tradizionali (-16,58 per cento), passando da 23.139 attività censite nel 2006 alle 19.301 del 2017: un dato superiore la media nazionale (-15 per cento). Ma se il retail conosce una contrazione molto forte, è la ristorazione a occupare spazi crescenti nelle economie urbane: in dieci anni le attività food sono cresciute del 12,3 per cento in Abruzzo, passando da 9.635 a 10.826, leggermente al di sotto della media nazionale (+16,8 per cento) in una graduatoria guidata Sicilia (+26,1 per cento), Campania (+22,1) e Puglia (+21,9). Stabile (-1,4 per cento) il numero dei commercianti ambulanti, mentre cresce del 5 per cento il numero delle attività ricettive (da 1.198 a 1.258 imprese).

Il dato nelle province

Analizzando il dato delle singole province abruzzesi, emerge un quadro molto variegato. Nella media i numeri della provincia di Chieti, dove i negozi tradizionali sono scesi del 13,5 per cento in dieci anni a fronte di un incremento del 17,4 per cento del settore turistico. La provincia di Pescara invece si posiziona al terzo posto in Italia per incremento percentuale del settore turistico: +29,75 per cento grazie alle 602 nuove attività aperte stabilmente in questi dieci anni fra alberghi, b&b e ristorazione. Boom della ristorazione anche in provincia di Teramo, dove grazie alla spinta di università e città costiere il turismo ha conosciuto un aumento del 14,9 per cento mentre il retail ha subito una contrazione del 10,8 per cento. Di contro, l’Abruzzo interno denuncia una situazione drammatica: a L’Aquila il numero di negozi è sceso del 42,2 per cento, record in Italia, con un calo considerevole anche nel settore turistico (-7,49 per cento).

I consumi

La ristorazione fuori casa assume un ruolo sempre più rilevante anche nelle scelte delle famiglie. A fronte di una capacità di spesa scesa in dieci anni del 6,5 per cento, rispetto al 2006 gli abruzzesi spendono di più per ristorazione e ricettività (+1,7 per cento), per le bevande alcoliche e i tabacchi (+0,9 per cento), ma le voci cresciute di più durante la crisi in Abruzzo sono l’istruzione dei figli (+31,1 per cento), le spese per l’abitazione (+3 per cento), i servizi sanitari (+0,5 per cento), a fronte di risparmi consistenti negli acquisti in abbigliamento (-26 per cento), comunicazione (-23,7), mobili e articoli per la casa (-17). Nel complesso, le famiglie abruzzesi nel 2007 potevano spendere 27.708 euro, contro i 25.908 del 2016: un calo del 6,50 per cento. "I numeri raccolti dalla nostra ricerca dimostrano che l’Abruzzo non è immune dai fenomeni globali che stanno interessando il commercio in tutto il mondo, che gli addetti ai lavori definiscono Apocalypse Retail – spiega Daniele Erasmi, presidente regionale della Confesercenti – le nostre città vedranno senza dubbio meno negozi e più attività legate al tempo libero. Ma il commercio non scomparirà: i consumatori chiedono negozi specializzati, originali, integrati con altre forme di shopping, e per rilanciarsi i negozianti devono cambiare, consorziarsi, specializzarsi, integrarsi con il web".

"Il radicale cambio dei nostri centri urbani richiede una elevata attenzione da parte delle istituzioni – sottolinea il direttore regionale di Confesercenti Lido Legnini – chiamate a prevenire i conflitti fra le funzioni residenziali e il diritto al lavoro. La vocazione delle città sta mutando, e oggi viene richiesto sempre di più un tessuto economico orientato all’accoglienza, alla ricettività, con servizi avanzati in questo campo. L’incremento delle strutture dedite all’ospitalità è un primo segnale di radicamento di questi cambiamenti: siamo invece preoccupati per la difficoltà di recupero del potere d’acquisto delle famiglie abruzzesi. Il ritardo della nostra regione va colmato al più presto con interventi strutturali da parte del governo regionale e di quello nazionale".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi cambia la città: meno negozi tradizionali, più bar e ristoranti

ChietiToday è in caricamento