menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Specializzandi in Chirurgia di Chieti vincono la gara a quiz “Surgical Jeopardy”

Una gara in inglese tra squadre di tutta Italia vinta da Valentina Malerba, Selene Rossi e Simone Castiglioni

Gli specializzandi della Scuola di chirurgia generale di Chieti, diretta dal professor Roberto Cotellese, hanno vinto una appassionante e agguerrita gara a quiz in lingua inglese, “Surgical Jeopardy”, dedicata ai temi della chirurgia alla quale hanno partecipato specializzandi di tutte le scuole di chirurgia italiane.

La competizione si è tenuta a Modena nel corso del 14° Seminario Nazionale delle Scuole di Specializzazione e dei Dottorati di Ricerca in Chirurgia.

I tre vincitori, Valentina Malerba, Selene Rossi e Simone Castiglioni, sono stati premiati dal professor Di Cataldo dell’Università di Catania e membro dell’Italian Chapter dell’American College of Surgeons, con un diploma e con la partecipazione gratuita a un corso di formazione in chirurgia robotica che si terrà a settembre a Pisa.

"Sono felice del risultato – ha detto il professor Cotellese – perché premia soprattutto l’impegno degli specializzandi oltre a quello di tutor e docenti. I nostri ragazzi hanno superato colleghi di università più antiche e blasonate e questo rappresenta motivo di grande soddisfazione per tutti noi".

Già nel 2014 la Scuola di chirurgia di Chieti assieme a quella di Pavia era stata valutata prima in Italia in relazione a quattro parametri: internazionalizzazione, innovazione nella offerta formativa, numero e tipologia degli interventi eseguiti dagli specializzandi, continuità nella partecipazione al dibattito sul miglioramento della qualità delle scuole. Anche quest’anno nel corso dei lavori congressuali la scuola di Chieti è stata menzionata per aver introdotto programmi innovativi di formazione chirurgica in simulazione che hanno lo scopo di rendere omogenea la preparazione dei giovani chirurghi, di migliorare la loro pratica di sala operatoria mettendoli nelle condizioni di effettuare i principali interventi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento