“Patrimoni in Comunicazione", convegno sulle nuove sfide dei Musei alla "d'Annunzio"

Il 22 e 23 novembre, nell'incontro nazionale al campus universitario si parlerà del ruolo dei musei etnografici

Il 22 e 23 novembre il Campus universitario di Chieti ospiterà un convegno nazionale sul tema: “Patrimoni in ComunicAzione - Nuove sfide per i Musei DemoEtnoAntropologici”. Organizzato, per conto del Dipartimento di Lettere, Arti e Scienze Sociali della “d’Annunzio”, da Lia Giancristofaro, docente di Antropologia Culturale, il convegno è promosso da Simbdea (associazione di professionisti, studiosi e volontari attivi nell’ambito dei beni demo-etno-antropologici, dei musei e del patrimonio culturale materiale e immateriale), dal Mibact - Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, dalle Scuole di Specializzazione in Beni DemoEtnoAntropologia delle Università di Roma Sapienza e di Perugia, dalla Società Italiana degli Antropologi Culturali e da numerosi Musei demo-etno-antropologici italiani.

Il programma prevede una prima giornata, quella di venerdì 22 novembre, nell’Auditorium del rettorato che inizierà alle 9 con i saluti istituzionali ai quali seguiranno le prime due sessioni, una al mattino e l’altra nel pomeriggio. Sabato 23 novembre i lavori si sposteranno nell’Aula 1 del Polo didattico di Lettere, sempre nel Campus universitario di Chieti. Ci sarà prima l’assemblea nazionale dei soci Simbdea e, dalle 10 ci svolgerà la terza ed ultima sessione del convegno che occuperà tutta la mattinata.    

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Che ruolo hanno oggi i musei etnografici? Possono essere considerati come dei patrimoni locali capaci di intercettare le istanze della società civile, oppure sono condannati a rimanere polverosi depositi di oggetti disconnessi dalla vita contemporanea? Queste - spiega Lia Giancristofaro - sono le domande alle quali proveremo dare una risposta adeguata alla situazione attuale con lo sguardo agli scenari non solo immediati. Cercheremo in sostanza di stimolare un dibattito sui fondamenti teorici e metodologici della museografia demo-etno-antropologica, al fine di indirizzarli verso le sfide della sostenibilità ambientale e verso il rispetto dei diritti umani. Per questo - conclude la professoressa Giancristofaro - daremo voce a pratiche museali virtuose portate avanti dalla società civile e dalle comunità locali>.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte: muore un giovane di 22 anni, ferita una donna [FOTO]

  • Ascanio Celestini, Lino Guanciale e gli Avion Travel: estate di grandi nomi a Guardiagrele

  • Pestaggio fuori dal pub del centro: 23enne in ospedale con fratture al volto, caccia agli aggressori

  • Assegno familiare: tutti i requisiti per ottenerlo

  • Coronavirus: cinque nuovi casi oggi in Abruzzo, nessuno in provincia di Chieti, ma si registra un decesso

  • Molestia sessuale a una minorenne con la scusa di chiedere indicazioni stradali: denunciato un 61enne

Torna su
ChietiToday è in caricamento