menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli operatori a supporto delle donne vittime di violenza si formano a Chieti

Venerdì la giornata di formazione del progetto “Sibilla” (sistema di azioni integrate per il potenziamento dei centri antiviolenza in Abruzzo)”, approvato e finanziato dal ministero delle Pari Opportunità

L’assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità, Emilia De Matteo, comunica che venerdì 6 luglio, nella sala consiliare della Provincia, nell’ambito del progetto “Sibilla” (sistema di azioni integrate per il potenziamento dei centri antiviolenza in Abruzzo)” approvato e finanziato dal ministero delle Pari Opportunità, si terrà una giornata di formazione rivolta agli operatori dei servizi e degli enti pubblici e privati che quotidianamente lavorano a supporto delle donne e dei loro figli vittime di violenze. Sarà presente, quale relatore, il dottor Michele Poli, responsabile del centro di ascolto per uomini maltrattanti di Ferrara. 

L’iniziativa è volta a rafforzare e implementare la Rete contro la violenza sulle donne e di genere della città di Chieti, istituita a seguito della sottoscrizione di un protocollo d’intesa il 30 aprile 2015, che coinvolge tutte le parti della società: dalle istituzioni alle associazioni, dalla Asl alle forze di polizia, per un percorso condiviso che, in questi anni, l’amministrazione comunale ha voluto attuare in modo specifico per il contrasto alla violenza di genere ed incrementare la cultura del rispetto.

Il Comune di Chieti, unitamente al centro antiviolenza Alpha di Chieti di cui è responsabile Maria Laura Di Loreto, ha aderito al progetto “Sibilla – Sistema di azioni integrate per il potenziamento dei centri antiviolenza in Abruzzo” partecipando all’avviso pubblico per il potenziamento dei centri antiviolenza e dei servizi di assistenza alle vittime di violenza e per il rafforzamento della rete dei servizi territoriali (G.U. n.56 – Serie Generale dell’8 Marzo 2016) – Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità. 

Il progetto, che coinvolge i territori di Chieti, Pescara, Vasto e L’Aquila con i rispettivi centri antiviolenza prevede il potenziamento delle forme di assistenza e di sostegno, la promozione dell’orientamento lavorativo, l’individuazione di misure a supporto dei servizi educativi per i minori vittime di violenza assistita. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento