menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Miur premia la “d’Annunzio” con un finanziamento di 8 milioni di euro

Il Dipartimento di Neuroscienze ottiene il premio per la qualità della ricerca prodotta negli ultimi anni. Il finanziamento permetterà di dotare la struttura di un nuovo scanner per risonanza magnetica

Il Dipartimento di Neuroscienze Imaging e Scienze Cliniche (DNISC) dell’Università "G. d'Annunzio" di Chieti-Pescara ha ottenuto un finanziamento di 8 milioni di euro dal MIUR nell'ambito del bando Dipartimenti di eccellenza, basato sulla qualità della ricerca prodotta negli ultimi anni e sul progetto di sviluppo dipartimentale per il quinquennio 2018-2022. Il progetto del DNISC ha ottenuto la massima valutazione in tutti i criteri: eccellenza scientifica, coerenza e fattibilità della proposta, classificandosi tra le 8 proposte con massimo punteggio sulle 350 presentate in tutti gli ambiti di ricerca italiana, e come migliore proposta in assoluto nel settore della Fisica. 

“Il rapido progredire della strumentazione, dei metodi e delle tecniche di analisi di dati biomedici ha trasformato la ricerca di base e clinica negli ultimi decenni. - commenta il prof. Vittorio Pizzella, fisico, direttore del DNISC - L'imaging è divenuto uno strumento essenziale per studiare i processi fisiologici, a livello di cellule, individui e perfino interazioni tra individui. Solo la disponibilità di risorse tecnologiche e metodologiche all’avanguardia e un approccio interdisciplinare consentiranno di fornire risposte alle domande ancora aperte. Per questo il progetto del DNISC ha come obiettivo il potenziamento di strumentazione e metodi di acquisizione per imaging e di tecniche di analisi dati, in una prospettiva che abbraccia le branche della Fisica, della Psicologia e della Medicina”.

Il finanziamento permetterà di dotare la struttura, già dotata di risonanza magnetica, magneto - ed elettro-encefalografia, e imaging infrarosso, di un nuovo scanner per risonanza magnetica in grado di fornire informazioni quantitative sulle funzioni cerebrali. 

“La quantificazione di parametri fisiologici del tessuto cerebrale, e l'identificazione di nuovi marcatori costituirà un enorme avanzamento per le neuroscienze di base e la ricerca clinica nell’ambito di patologie cerebrali e psichiatriche. - illustra il professor Gian Luca Romani, fisico, direttore del DNISC per i precedenti sei anni - Inoltre, il finanziamento permetterà al Dipartimento, già inserito nel panorama internazionale delle reti di ricerca in imaging avanzato, di rafforzare il suo ruolo di punta nella Fisica applicata alle Neuroscienze”.

Con il progetto sarà possibile reclutare nuovi ricercatori di elevata competenza, attualmente operanti al di fuori dell’Italia, e che contribuiranno alla realizzazione di progetti di didattica innovativa per l'ampliamento dell'offerta formativa dell'Ateneo.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento