rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Corsi spettacolo Vasto

Gabriele Cirilli sceglie Vasto per la sua Factory: "Metodo Gigi Proietti, cercheremo di introdurre gli allievi al mondo del lavoro"

Apre un nuovo polo artistico e culturale. A poche ore dal taglio del nastro abbiamo chiacchierato con il poliedrico artista per conoscere meglio questa nuova e inedita realtà che nasce in provincia di Chieti

Reduce dalla partecipazione allo show di Rai due “Nudi per la vita" e dal tour estivo lungo tutto lo Stivale, protagonista del cast della dodicesima edizione di 'Tale e Quale Show', Gabriele Cirilli ha trovato anche tempo ed energie da dedicare alla formazione e alla promozione delle attività teatrali nella sua regione natale. E ha scelto la provincia di Chieti per dare vita a un nuovo polo artistico: inaugura infatti martedì 20 settembre a Vasto, all’interno del Politeama Ruzzi,  la Factory, spazio culturale dove far vivere il teatro 24 ore al giorno e scuola di formazione per attori e per tutti i lavoratori dello spettacolo come tecnici, macchinisti, truccatori.

Uno spazio creativo nato in collaborazione con la Magamat dove fare spettacolo e formare nuove professionalità aiutati da professionisti del settore come Matilde Brandi per la danza, Silvia Mezzanotte per il canto, il regista Valter Lupo - uno dei primi allievi dell’Accademia di Gigi Proietti - per la recitazione. Un progetto che nasce dall’amore e dalla passione che da oltre trent’anni legano l’attore originario di Sulmona al palcoscenico.

A poche ore dal taglio del nastro abbiamo chiacchierato con Gabriele Cirilli, uno degli artisti più poliedrici del teatro e della televisione italiana, per conoscere meglio questa nuova e inedita realtà che nasce in provincia di Chieti.

“Il mio desiderio è sempre stato quello di aprire una scuola in Italia – spiega Cirilli a ChietiToday – il mio carissimo amico nonché organizzatore Marco Santilli era disposto ad aiutarmi ad aprire questo polo dopo la conclusione di una masterclass che aveva avuto grande successo. Da lì è nata l’idea di un scuola a Vasto, ma è una cosa che stiamo sudando noi due. Non c’è alcun tipo di aiuto istituzionale. Posso dire però che a Vasto ho trovato l’Abruzzo inteso come calore da parte del popolo. Qui sento che le persone mi vogliono bene”.

Sarà scuola di formazione professionale per attori e lavoratori dello spettacolo, ma anche sede di manifestazioni e premi. “L’impostazione è quella di Gigi Proietti con cui ho avuto l’onore di studiare (Cirilli ha iniziato la sua formazione nel Laboratorio di esercitazioni sceniche di Roma diretto da Proietti, ndr). Cercheremo di introdurre gli allievi al mondo del lavoro - dice ancora l’attore  - come hanno fatto con me. Con la nostra società, a fine anno, anziché proporre un saggio finale, cercheremo di produrre degli spettacoli che potranno girare nei teatri abruzzesi e, se funzioneranno, naturalmente anche nel resto d’Italia”.

Alla Factory arriveranno iscritti da Palermo, Catania passando per Napoli, Roma fino a Milano e Torino. “Ho scelto attraverso dei provini 30 persone: ne avevo previste non più di 25 ma le richieste sono state davvero tante. Il corso avrà una durata annuale, valuteremo in itinere se trasformarlo in biennale”.

Il progetto nasce dall’esigenza di concepire il teatro non solo un luogo di rappresentazione di uno spettacolo, ma anche uno spazio creativo, unico nel suo genere, che può diventare una fucina di idee di talenti, nonché il punto di partenza per chi è alla ricerca di nuovi sbocchi e nuove possibilità imprenditoriali e di impiego. “C'è anche un notevole risvolto economico - sottolinea l'attore - poichè si sa che il teatro crea un importante indotto, dal momento che è stato calcolato che ogni euro di biglietto di ingresso genera due euro di spese extra. Trasporti, shopping, pasti triplicano la spesa culturale di base. Insomma, gli eventi culturali aumentano la richiesta di beni e servizi e danno un forte impulso allo sviluppo economico del territorio".

Ma c’è anche il risvolto umano. “Tante sono le categorie di persone che lavorano in ambito teatrale oltre chiaramente agli attori, musicisti, cantanti, comici, ballerini, insomma tutte le figure che popolano il palcoscenico. Oltre questi, di teatro vivono anche i tecnici, della luce e del suono, i macchinisti, i registi, gli scenografi, i coreografi, i truccatori, i vocal coach, gli autori, gli scrittori, i critici. E naturalmente ci sono le persone che si occupano di lavori più prosaici come può essere l’amministrazione, sia del teatro che delle compagnie teatrali. Ci sono i produttori, gli organizzatori, i distributori, i direttori di scena e i direttori di produzione. Non so se ho tralasciato qualche figura tra tutte quelle citate, ma quello che il progetto ha per fine è di preparare al mondo del lavoro tutte queste realtà”. Altro obiettivo della Factory di Gabriele Cirilli è quello di riportare i giovani al teatro creando sinergie con le scuole del luogo, producendo o distribuendo spettacoli ad hoc, ma anche coinvolgendoli nella creazione stessa di spettacoli-laboratorio utili per la loro crescita e formazione socio-culturale. 

Gli allievi del polo culturale abruzzese frequenteranno anche lezioni di psicologia e comunicazione con la psicoterapeuta Sonia Abbondanza.

L'inaugurazione ufficiale della Factory con Gabriele Cirilli è alle ore 14,30 di domani, martedì 20 settembre, al teatro Politeama Ruzzi in corso Italia a Vasto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gabriele Cirilli sceglie Vasto per la sua Factory: "Metodo Gigi Proietti, cercheremo di introdurre gli allievi al mondo del lavoro"

ChietiToday è in caricamento