Corsi&Formazione Torino di Sangro

Birdgardening in Abruzzo: un corso per costruire nidi artificiali

Parte alla Lecceta di Torino di Sangro il progetto della Soa e del Wwf "Giovani per natura": 5 corsi gratuiti nelle riserve per imparare a costruire nidi artificiali, bat-boxes e mangiatoie a uccelli e pipistrelli, sulla scia dell'Europa

Costruire e installare mangiatoie e nidi-artificiali per uccelli e pipistrelli, dal 17 novembre in Abruzzo parte un corso apposito organizzato dalla Stazione Ornitologica Abruzzese e il WWF.

Si chiama Birdgardening ed è un'attività ancora poco diffusa in Italia mentre coinvolge milioni di persone in nord-Europa. ll progetto “Giovani per Natura” rivolto ai giovani tra i 15 e i 35 anni residenti in Abruzzo, intende promuoverla a novembre e dicembre nelle 5 riserve regionali: Oasi Wwf Sorgenti del Pescara a Popoli, Oasi Wwf Gole del Sagittario ad Anversa degli Abruzzi, Oasi Wwf dei Calanchi di Atri, Oasi Wwf nel Lago di Penne e alla Lecceta di Torino di Sangro.

Un'occasione per aiutare concretamente la natura della Regione: durante uno dei corsi, i giovani impareranno con gli esperti ornitologi della SOA e delle Riserve, a costruire nidi artificiali e mangiatoie per sostenere gli animali.

Il corso prevede 11 incontri pratici e sarà replicato in ciascuna delle riserve regionali menzionate. Il primo partirà il 17 novembre presso la Riserva della Lecceta di Torino di Sangro; a seguire, dal 19 in poi, partiranno i corsi nelle altre riserve.

“Il Progetto 'Giovani per Natura' - dice Augusto De Sanctis, presidente della Stazione Ornitologica Abruzzese - ha vinto un bando della Regione Abruzzo per iniziative di socializzazione. Le attività manuali connesse alla costruzione dei nidi artificiali e delle mangiatoie e il lavoro di campo per l'installazione dei nidi e l'osservazione delle specie in natura consentiranno ai partecipanti di condividere un'esperienza utile per la difesa della natura". "Il Birdgardening - continua De Sanctis - è diffusissimo nel Nord Europa, dove milioni di persone installano in inverno nei giardini delle città mangiatoie e nidi artificiali. Esistono addirittura negozi specializzati nella vendita di questi manufatti. Le mangiatoie saranno utilizzate immediatamente da molte specie di uccelli durante la brutta stagione; in questo modo potranno resistere meglio al tempo inclemente. I nidi, invece, saranno utilizzati nella primavera successiva. In questo modo si potranno conoscere ed ammirare da vicino specie coloratissime come le cinciallegre e le cinciarelle".

Sempre in Abruzzo, grazie all'attività dell'Oasi Wwf dei Calanchi di Atri, si sta diffondendo l'uso delle bat-boxes, destinate ad accogliere varie specie di pipistrelli, molto utili per combattere zanzare tigre ed altri insetti. La realizzazione di cassette-nido ha anche un mercato di nicchia che si sta espandendo e, in alcuni casi, è diventata anche occasione di lavoro per diversi giovani che ora li producono per la grande distribuzione.

Ci sono ancora posti disponibili ai corsi di Birdgardening. Per informazioni e iscrizioni è possibile inviare un'email a segreteria@soabruzzo.it, chiamare al numero 3683188739 o recarsi presso le sedi delle riserve.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Birdgardening in Abruzzo: un corso per costruire nidi artificiali

ChietiToday è in caricamento