menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contributo di 2 mila euro per le attività fotografiche schiacciate dall'emergenza Covid

Dalla Regione Abruzzo 700mila euro a fondo perduto agli esercenti di attività fotografiche penalizzati dalla pandemia sia nella prima fase di marzo che in questa seconda ondata

Uno dei lavori più sacrificati durante l’emergenza coronavirus è quello dei fotografi i quali, nell’anno della pandemia, hanno dovuto rinunciare alla quasi totalità del loro lavoro derivante da cerimonie,  matrimoni, eventi che in questa seconda ondata sono di nuovo bloccati. Per questo la Regione Abruzzo tende una mano: ieri la giunta ha approvato, attraverso emendamento specifico, un contributo di 2 mila euro a fondo perduto agli esercenti di attività fotografiche”.

L’emendamento è stato formulato dal capogruppo regionale di Forza Italia, Mauro Febbo, che commenta: “I fotografi, tutt’oggi penalizzati per via delle forti limitazioni inseriti negli ultimi Dpcm, sono stati esclusi sia dai ristori nazionali sia da quelli regionali del Cura Abruzzo 1 e 2. Ricordo come la categoria dei fotografi esercita la propria attività essenzialmente e principalmente a partire dal mese di aprile all'interno di cerimonie religiose e civili, eventi e manifestazioni. Sulla stessa logica di intervento operato per le agenzie di viaggio, si è inteso intervenire in maniera specifica dove il contributo viene invece calcolato in base il volume d’affari relativo al periodo 1 aprile 2020 sia inferiore di almeno un terzo (1/3) rispetto al volume di affari dello stesso periodo dell’anno precedente”.

 La Regione precisa che il contributo non spetta ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data del 31 marzo 2020. 

“Con questo provvedimento a favore dei fotografi  andiamo a finanziare e ristorare circa 350 attività duramente colpiti sia dal primo lockdown di marzo sia dall’ultimo decreto dove vige ancora il divieto assoluto di cerimonie, manifestazioni ed eventi di ogni genere. Pertanto – conclude Febbo - oggi diamo una risposta concreta al settore dei fotografi dimostrando ancora una volta la serietà di questo Governo regionale”.   
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento