menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Confesercenti chiede ai sindaci di sospendere le tasse locali

Il presidente regionale Erasmi invoca lo stop di Tari, Imu, canoni di occupazione del suolo pubblico

 “Le imprese stanno dimostrando nella quasi totalità altissimo senso civico e spirito di collaborazione, chiudendo negozi e uffici, agevolando smart working e ampia flessibilità. I sindaci abruzzesi mostrino il lato buono dello Stato, sospendendo il pagamento di ogni tributo locale”. Lo chiede Daniele Erasmi, presidente regionale di Confesercenti Abruzzo.

“Ci appelliamo a tutti i sindaci abruzzesi” precisa Erasmi, che ha scritto una nota all’Anci (Associazione nazionale Comuni italiani), “perché sospendano il pagamento di Tari, Imu, del pagamento dei canoni di occupazione del suolo pubblico, di ogni altra tassa locale. I Comuni sono l’anima delle comunità locali al pari dei negozi, dei pubblici esercizi, delle piccole imprese, e combattiamo la stessa battaglia contro la desertificazione economica dei nostri territori".

"La sfida alla quale siamo ora chiamati - conclude - è molto più radicale, e c’è bisogno che siamo tutti alleati e non controparti. Per il bene delle nostre comunità i negozi e i pubblici esercizi hanno chiuso anche prima che venisse pubblicato il decreto di blocco: questo spirito di servizio vada premiato e riconosciuto. Ci aspettiamo una risposta positiva dai nostri Comuni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

“Mio padre chiamato per il vaccino un mese dopo il decesso”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento