La conferenza Stato Regioni dice sì alla riapertura delle sale da gioco

La proposta era partita dalla Regione Abruzzo e l'autorizzazione potrebbe arrivare nel prossimo decreto del presidente del Consiglio

La conferenza Stato Regioni ha detto sì alla proposta della Regione Abruzzo per la riapertura delle attività di gioco. L'autorizzazione dovrebbe arrivare con il prossimo decreto del presidente del Consiglio, che dovrebbe fare chiarezza anche sugli spostamenti tra le regioni dal 3 giugno. 

Lo annuncia l'assessore regionale alle Attività produttive, Mauro Febbo, che nei giorni scorsi aveva incontrato la delegazione di operatori e gestori delle agenzie di scommesse, del comparto degli apparecchi da intrattenimento e delle sale bingo, a cui aveva espresso l’appoggio della Regione.

"Nella riunione di lunedì scorso - commenta - abbiamo fatto presente la situazione degli operatori. In Abruzzo abbiamo già pronti anche i protocolli di sicurezza per la riapertura. Abbiamo ricevuto l’appoggio di altre Regioni, soprattutto Liguria, Campania e Puglia. La richiesta è stata recepita e fatta presente al Governo".

L’assessore si dice ottimista in vista del prossimo decreto, presumibilmente in arrivo nel fine settimana: "Le linee guida per le nuove riaperture sono in lavorazione e sono fiducioso sul fatto che con il nuovo decreto daranno l’ok anche alle sale giochi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento