Economia Pretoro

Maielletta: Confcommercio torna a chiedere lo ski pass unico

Una delle prime cose da fare per rilanciare il turismo invernale in Abruzzo è mettere lo ski pass unico per accedere alle piste di Passolanciano e della Maielletta. Confcommercio lo ha proposto ai Presidenti della Provincia durante il tavolo istituzionale

I dualismi a pochi chilometri di distanza sono inutili nell'ottica di un rilancio del turismo montano. Per questo Confcommerico Chieti torna a chiedere l'istituzione dello ski pass unico sulle piste di Passolanciano e della Maielletta.

La proposta è stata avanzata durante il tavolo istituzionale ieri pomeriggio a Pescara alla presenza del presidente della Provincia di Chieti Enrico Di Giuseppantonio, del collega di Pescara Guerino Testa, del presidente della Confcommercio di Chieti Angelo Allegrino e del direttore della Confcommercio di Pescara Walter Recinella. Spettatori interessati del confronto tra enti ed associazioni di categoria, una folta rappresentanza di imprenditori della Maielletta, dove permangono i problemi relativi al doppio ski pass sulle vicine piste di Passolanciano.

Un disagio enorme lamentato a più riprese dagli operatori turistici della montagna teatina che tocca anche diversi Comuni del pescarese. Da qui la necessità, ribadita da Confcommercio Chieti a margine di un’indagine a campione condotta nei mesi scorsi tra gli albergatori della Maielletta, di riunire un tavolo istituzionale sull’argomento.

Le buone notizie emerse durante l'incontro riguardano innanzitutto lo sblocco dei fondi Fas pari a 5 milioni e 400 mila euro per il rilancio della Maielletta, una somma da utilizzare anche per il progetto dello ski pass unico, meglio se regionale.

“Ora basta con i personalismi. La montagna - spiega il presidente Allegrino - è un bene di tutti e i titolari degli impianti di risalita devono sapere che la loro opposizione allo ski pass unico mette a rischio almeno un centinaio di posti di lavoro senza dimenticare i danni arrecati all’economia dell’indotto montano. Un comprensorio turistico importante come la Maielletta, dalle potenzialità turistiche infinite, deve essere valorizzato al meglio ed è fondamentale la continua collaborazione tra le imprese e le istituzioni”.

Per fare questo è necessario che si arrivi presto allo ski pass unico almeno per seggiovie e skilift. “La mancanza dello stesso - aggiunge Allegrino - scoraggia i clienti e tiene sul filo del rasoio almeno cento lavoratori. Le istituzioni, Regione in primis, hanno l’obbligo di vigilare affinché finisca questa trentennale diatriba tra i titolari degli impianti. Confcommercio Chieti, come ben proposto dai presidenti delle Province di Chieti e Pescara, si batterà strenuamente per realizzare uno ski pass unico regionale”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maielletta: Confcommercio torna a chiedere lo ski pass unico

ChietiToday è in caricamento