Economia

Il Comune cerca un nuovo gestore per le mense scolastiche: partito l'iter per la gara d'appalto

Il contratto sarà firmato entro marzo, il servizio dovrà essere garantito da febbraio e poi per i 3 anni scolastici successivi

Immagine di repertorio

Dopo la proroga dell'appalto alla ditta Ladisa, che deve pagare una penale da quasi 5 mila euro per disservizi e ritardi, ora il Comune di Chieti è pronto a cercare un nuovo gestore della refezione scolastica e dà il via alle procedure per la pubblicazione del bando di gara.

L'ufficialità è arrivata oggi, con la determina numero 1.257 per l'appalto di refezione scolastica da febbraio a giugno 2021 e per gli anni scolastici 2021/2022, 2022/2023, 2023/2024. La stipula del contratto dovrà avvenire necessariamente entro marzo prossimo. 

La ditta si occuperà di somministrare poco più di 282mila pasti ad anno scolastico, media basata sui dati del periodo tra il 2017 e il 2019, del valore di 5 euro ciascuno, per un valore complessivo di 1 milione 410 mila 835 euro. 

L'importo a base di gara è di 5 milioni 259 mila 160 euro e 38 centesimi, comprensivi del costo unitario di ogni pasto e degli oneri di sicurezza di 9 mila 875 euro e 85 centesimi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune cerca un nuovo gestore per le mense scolastiche: partito l'iter per la gara d'appalto

ChietiToday è in caricamento