Disagi in autostrada: D'Annuntiis chiede interventi urgenti al ministero e la Cna incontra Autostrade

Nuova richiesta del sottosegretario, per denunciare il rischio delle ripercussioni sul turismo in Abruzzo per il caos in A14

Immagine di archivio

Il sottosegretario alla presidenza della Regione, Umberto D'Annuntiis, torna a scrivere al ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Paola De Micheli, per sollecitare idonee soluzioni al fine di alleviare il traffico che si crea sul tratto abruzzese dell'A14 a causa dei restringimenti di corsia. Un problema che ormai da anni e che genera ingorghi continui e fa rischiare incidenti.

Come noto, i restringimenti di corsia sui viadotti dipendono, oltre che dai cantieri, dal decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del tribunale di Avellino. 

Come espone D'Annuntiis nella lettera, se già nei giorni feriali questa situazione crea importanti ripercussioni sul traffico, "con frequenti rallentamenti e notevole allungamento dei tempi di percorrenza". Ma il disagio esplode nel fine fine settimana, "generando - puntualizza - anche pericolo immediato per la pubblica e privata incolumità".

Per questo, anche in vista del periodo delle ferie estive, quando ancora di più il tratto abruzzese dell'A14 è trafficato, il sottosegretario chiede un intervento urgente per evitare "evidenti ripercussioni negative sull'economia della nostra Regione, già messa in grave difficoltà economica dall'emergenza Covid 19, con chiare e smisurate perdite in termini di presenze e quindi monetarie, non solo nelle località di mare e villeggiatura, con possibili e probabili disdette delle prenotazioni turistiche, e la scelta di mete più agevolmente raggiungibili, ma anche precludendo e scoraggiando l'agevole ritorno nei luoghi di provenienza, oltre che dei tanti abruzzesi, anche di quanti desiderano recarsi in Molise e in Puglia, considerato lo smisurato tempo di percorrenza necessario per transitare anche per pochi chilometri". 

D'Annuntiis fa leva anche sul rischio concreto di incidenti causato dai frequenti rallentamenti.

Intanto lunedì, proprio sull'emergenza dell'autostrada A14, ci sarà un incontro tra i rappresentanti di Abruzzo e Marche della Cna Fita con il direttore del settimo tronco di Autostrade per l'Italia, ingegner Marco Perna.

L’incontro era stato sollecitato dal presidente degli autotrasportatori aderenti a Cna Abruzzo, Gianluca Carota, portavoce delle fortissime lamentele che si levano da tempo sia dal mondo dell’autotrasporto che dei pendolari, a causa dei ritardi fortissimi che si registrano nei tempi di percorrenza, soprattutto nel tratto compreso tra Pescara nord e Porto Sant’Elpidio: ritardi che sono frutto della micidiale combinazione di un fisiologico aumento stagionale del traffico, dei lavori di messa in sicurezza di ponti, viadotti e gallerie, del sequestro disposto dall’autorità giudiziaria di alcuni tratti protetti da barriere sotto esame.

Così, per trasportatori e automobilisti, il continuo cambio di corsie, il restringimento delle carreggiate, le file di mezzi fermi, ha finito per moltiplicare i tempi di percorrenza a dismisura: occorrono adesso ore per percorrere pochi chilometri, con evidenti danni per quanti usano soprattutto per fini professionali l’arteria, anche alla luce delle norme che regolano i tempi di guida e di riposo.   

All’incontro in videoconferenza di lunedì, i trasportatori Cna si presenteranno con un nutrito pacchetto di richieste, legate proprio ai tempi previsti per un ritorno alla normalità: aggiornamento sui tempi di completamento degli interventi e in particolare sullo stato di  avanzamento dei lavori di sostituzione delle barriere “New Jersey” dei viadotti parzialmente dissequestrati dal gip di Avellino; aggiornamenti sullo stato di avanzamento delle richieste di parziale dissequestro per i viadotti che sono ancora invece oggetto delle ordinanze dello stesso gip. Non mancherà la richiesta di rivedere al ribasso le tariffe dei pedaggi, alla luce della sostanziale “declassificazione” che l’autostrada ha subito per colpa dei disagi e degli allungamenti dei tempi di percorrenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Primo giorno di zona rozza in Abruzzo": il post del Tg1 scatena l'ilarità dei social

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • La provincia di Chieti si spopola: Ortona e Lanciano perdono più abitanti

  • Il Wwf conferma: "Lupi avvistati e fotografati nella periferia di Chieti"

  • Zona rossa, si può fare la spesa in un altro Comune se si risparmia: le nuove indicazioni del Governo

  • Test sierologici in tutte le farmacie abruzzesi: si inizia da studenti e loro familiari

Torna su
ChietiToday è in caricamento