rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Economia Atessa

Presidio contro la chiusura della Acs di Atessa: i lavoratori si incatenano davanti ai cancelli

La direzione aziendale ha comunicato nuovamente la volontà di chiudere il sito produttivo. Labbrozzi (Fiom-Cigl): "Nulla è stato fatto per la Val di Sangro dalle istituzioni"

Presidio permanente in atto da oggi davanti alla Acs di Atessa: la direzione aziendale ha comunicato nuovamente al tavolo sindacale la volontà di chiudere il sito come accaduto tre e due anni fa quando, dopo settimane di sciopero, l'azienda rinunciò ed accettò di ricorrere alla Cassa Straordinaria e poi di attivare la procedura per usufruire di due anni di solidarietà.

“Ad oggi torniamo ad avere la procedura per cessazione di attività e chiusura definitiva del sito produttivo di Atessa sul tavolo” riferisce il segretario provinciale della Fiom Cgil, Davide Labbrozzi che non esclude uno sciopero dell’intera area industriale .

Lunedì prossimo, alle 9, i lavoratori si incateneranno ai cancelli in attesa che si apra una vera discussione sulle questioni.

“In questi tre anni – spiega Labbrozzi -  la Val di Sangro non ha visto l'interesse delle Istituzioni, impegno atto a rilanciare un territorio devastato dalla crisi ed in grave pericolo di vita. Nulla è stato fatto per le aree industriali e nessuna interlocuzione c'è stata con le aziende che stanno morendo lentamente”.

Da qui la protesta dura affinché l’azienda ritorni sui suoi passi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio contro la chiusura della Acs di Atessa: i lavoratori si incatenano davanti ai cancelli

ChietiToday è in caricamento