Economia

Niente stipendi a Chieti Solidale, proclamato lo stato di agitazione

Uiltcus e Uil Fpl chiedono al prefetto di Chieti, Antonio Corona, un intervento urgente

Chieti Solidale questo mese non ha ancora pagato gli stipendi e il sindaco ha dichiarato pubblicamente che intende vendere una delle farmacie comunali per fare cassa. Per questo Uiltcus, la federazione dei lavoratori del turismo, commercio e servizi, e Uil Fpl, che riunisce i dipendenti dei poteri locali, ha deciso di attivare lo stato di agitazione. In una nota inviata al prefetto di Chieti, Antonio Corona, i sindacati annunciano l’iniziativa e chiedono una convocazione urgente “e il suo intervento per la definizione puntuale della tempistica sull’erogazione degli stipendi al fine di scongiurare ulteriori azioni che potrebbero arrecare notevoli disagi ad una utenza già di per sé delicata”.

Commenta Mario Miccoli, segretario regionale Uiltucs:

“Chieti Solidale è una delle poche aziende in salute di Chieti e ora, dopo la desertificazione imprenditoriale che ha colpito la città, una realtà con una vocazione sociale rischia con questo esproprio di essere privatizzata, in un periodo tra l’altro in cui assistiamo anche a tagli a livello regionale proprio sul sociale. Non è questa la strada per fare cassa: vanno individuati meccanismi virtuosi, anche europei, per far sì che un patrimonio di tutta la città non venga svenduto ma, piuttosto, continui a generare valore aggiunto come ha fatto finora”. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente stipendi a Chieti Solidale, proclamato lo stato di agitazione

ChietiToday è in caricamento