Trasporti, la Cerella (gruppo Arpa) non paga gli stipendi: lavoratori in stato di agitazione

La società ha comunicato ufficialmente l'impossibilità di erogare nei tempi previsti gli stipendi di agosto agli oltre 60 lavoratori

Mancanza di liquidità. Con questa giustificazione la Cerella di Vasto, società di trasporto del gruppo Arpa, lo scorso 11 settembre ha comunicato ufficialmente ai sindacati regionali l'impossibilità di erogare nei tempi previsti gli stipendi di agosto agli oltre 60 lavoratori.

I lavoratori hanno proclamato lo stato di agitazione, preludio allo sciopero.

Dall’azienda precisano: “La società Cerella è sana. L'insufficienza di liquidità e, quindi, l'impossibilità a corrispondere puntualmente le retribuzioni, è direttamente collegata alla mancata corresponsione, nei tempi previsti, dei contributi per CCNL (oltre 400 milioni di euro) da parte della Regione Abruzzo”.

Ma per Filt Cgil e Ugl  questa somma costituisce solo un palliativo. “Infatti mancano all'appello ancora 2 milioni di euro frutto dei debiti che la Regione Abruzzo ha nei confronti della Cerella. Almeno 1.200.000 euro per i famosi saldi 2003/2012 e circa 900.000 euro per i contributi di esercizio relativi al terzo quadrimestre” spiegano i segretari regionali Franco Rolandi e Giuseppe Lupo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

  • "Ti pago 100 euro al mese se mi racconti tutto quello che fa il mio ex”: denunciata

Torna su
ChietiToday è in caricamento