Cassa integrazione artigiana, la denuncia dell'Ebrart: "Fondi insufficienti a coprire le richieste"

Ancora migliaia di pratiche da pagare, l’Ente bilaterale per l’artigianato abruzzese denuncia i ritardi del Governo nel trasferimento dei fondi annunciati

I fondi per la cassa integrazione artigiana non bastano a coprire le migliaia di richieste in Abruzzo. Lo denuncia l’Ebrart - Ente bilaterale per l’artigianato abruzzese, spiegando che lo stesso è impossibilitato a effettuare i versamenti relativi al completamento del mese di marzo, e ai mesi di aprile e maggio, a causa del mancato trasferimento delle risorse economiche previste dal Decreto Rilancio.

In una nota dell’Ente bilaterale per l’artigianato abruzzese parla di "ritardi inammissibili nell’erogazione degli ammortizzatori sociali al mondo degli artigiani, che attendono ancora i pagamenti loro dovuti per colpa dei ritardi nell’assegnazione delle risorse pubbliche al Fondo sociale bilaterale per l’artigianato, che in Abruzzo si articola nell’Ebrart".

La denuncia del Fondo, costituito dalle principali associazioni dell’artigianato (Casartigiani, Claai, Cna, Confartigianato) oltre che dai sindacati dei lavoratori (Cgil, Cisl e Uil) intende chiarire quanto sta avvenendo a livello nazionale e, a caduta, anche in Abruzzo.

"L’Ebrart ha da tempo approvato le migliaia di richieste arrivate relativamente alle prime 9 settimane di copertura dell’ammortizzatore sociale FSBA e tramite le risorse accantonate negli anni, grazie ai versamenti di imprese e lavoratori aderenti, ha già proceduto al pagamento dell’assegno a oltre 1700 imprese, per circa 6500 dipendenti della nostra regione, rispondendo a tante richieste relative ai mesi di febbraio e marzo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora però, esaurite le risorse disponibili, l’ente si trova nella condizione di non poter effettuare - come denunciato - i versamenti relativi al completamento del mese di marzo e ai mesi di aprile e maggio. "Vogliamo esprimere la nostra più viva solidarietà ai lavoratori dell’artigianato abruzzese, confermando l’impegno quotidiano, anche attraverso le strutture nazionali, per sollecitare il Governo a sbloccare immediatamente le risorse promesse" conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento