rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Economia

Caro pedaggi, anche la Cna dalla parte dei sindaci: "Aderiamo alla protesta"

La Cna Fita Abruzzo contro i rincari sulla autostrade A24 e A25. All'assemblea degli operatori in discussione anche i sostegni governativi

Ache gli autotrasportatori della Cna Fita aderiscono ai sit-in di protesta organizzati per sabato mattina dai sindaci di Abruzzo e Lazio, contro la stangata-rincari dei pedaggi di A24 e A25. Domani, venerdì, intanto, all'assemblea degli operatori saranno discussione anche i sostegni governativi: ospite dell'incontro che si terrà a Pescara, dalle 17, nella sede regionale della confederazione artigiana, il presidente della Commissione Finanze e Tesoro del Senato, Luciano D’Alfonso, che nelle scorse settimane si è confrontato con le principali sigle che rappresentano il mondo dell’autotrasporto e dei consumatori.

All’assemblea della CNA Fita - con la presidente e il coordinatore regionali Luciana Ferrone e William Facchinetti ci saranno anche il presidente e il responsabile nazionale, Patrizio Ricci e Mauro Concezzi, oltre al presidente e al direttore regionale della Cna Abruzzo, Savino Saraceni e Graziano Di Costanzo.

Oltre che di pedaggi, infatti, si discuterà anche degli interventi legati alle diverse misure di sostegno alla categoria messe in campo dal Governo: dal protocollo sottoscritto con le assaciazione del settore al cosiddetto “decreto Ucraina”. Interventi, questi, che mettono complessivamente a disposizione degli operatori qualcosa come 941 milioni di euro per riduzione del costo del carburante, deduzioni fiscali, contributo pedaggi autostradali e molto altro ancora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro pedaggi, anche la Cna dalla parte dei sindaci: "Aderiamo alla protesta"

ChietiToday è in caricamento