menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presidente di Confcommercio Chieti, Marisa Tiberio

La presidente di Confcommercio Chieti, Marisa Tiberio

Confcommercio accanto alle imprese in difficoltà: "Aiutateci a segnalare condotte illecite alle forze dell'ordine"

La campagna dell'associazione di categoria che chiede ai soci di raccontare, anche in forma anonima, comportamenti di chi potrebbe approfittare del momento di difficoltà

“La crisi economica ha una zona d’ombra dove rischia di rafforzarsi la criminalità”. È l’affermazione forte rilasciata dal presidente nazionale di Confcommercio, Carlo Sangalli, a margine dell’indagine condotta dall’associazione di categoria sugli strascichi dovuti alla pandemia Coronavirus, in collaborazione con Format Research. Secondo lo studio, ai timori degli imprenditori dopo il crollo della liquidità, l’aumento dei costi fissi e il crollo dei consumi, si aggiungono l’usura e i tentativi illeciti della malavita di impadronirsi delle aziende in affanno.

Non a caso l’11% delle imprese ascoltato da Confcommercio indica nella criminalità un ulteriore e pericoloso ostacolo allo svolgimento della propria attività commerciale, con gli imprenditori che sono molto preoccupati per il verificarsi di questi fenomeni nel proprio quartiere o comunque nella zona dove insiste la propria azienda.

Gli aspetti problematici dell’attuale fase, infatti, sono lamentati a gran voce dagli imprenditori interpellati da Confcommercio: riaprire non ha significato ripartire, anzi, si è registrato un significativo calo di domanda con relativi problemi di liquidità. Il 30% delle risposte registrate, poi, fa riferimento alle difficoltà legate al tema del cash, della burocrazia e dei protocolli di sanificazione che hanno incrementato notevolmente i costi fissi dell’imprenditore.

Marisa Tiberio, presidente provinciale di Confcommercio Chieti, lancia un appello: “Abbiamo fiducia massima nelle forze dell’ordine, ma è necessaria più rapidità per far giungere i sostegni previsti dal decreto rilancio alle aziende e, se possibile, irrobustirli. Solo così si combatte la criminalità e si ricostruisce un’economia sana. Dicono - afferma Tiberio - che usciremo diversi da questa drammatica pandemia. Credo di sì, perché per uscirne dovremmo per forza essere diversi da come ci siamo entrati. Ma, almeno, dobbiamo salvaguardare l’anima dell’economia diffusa di questo Paese, che si basa sulla fiducia, sulla socialità e sull’identità. Spero che rimanga quella capacità italiana di mettere insieme, di connettere le filiere dal manifatturiero al commercio, dall’agroalimentare al turismo e di svilupparle in un mercato unico”.

Confcommercio assicura che sarà in prima fila per la tutela della legalità, come ribadito nel corso di un proficuo incontro con la Guardia di Finanza di Chieti che si è svolto nella sede di via Santarelli.

“Confcommercio invita tutti i commercianti - aggiunge Tiberio - a non abbassare la guardia. A volte anche solo un contatto, spesso condotto attraverso minacce sottili e subdole, sottointende richieste illecite che possono trasformare l’operatore economico da soggetto passivo e vittima a soggetto attivo di condotte inconsapevoli fino a una sottomissione totale. Siamo a disposizione di quanti vogliano segnalare, anche in maniera anonima, questo tipo di contatti, facendo da tramite con le forze dell’ordine".

Le segnalazioni possono essere effettuate chiamando il numero 0871.64599 oppure inviando una mail all'indirizzo infochieti@confcommercio.it.

locandina contro l'usura-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento