menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Camere Commercio: il presidente Di Lorenzo: "Fusione che tutti auspicavano"

Il presidente della Camera di commercio di Chieti Silvio di Lorenzo interviene sulla questione fusione Chieti-Pescara: "Non si capisce poi come mai le stesse associazioni approvano la fusione quando sono sedute nella giunta della Camera di commercio di Pescara mentre vi si oppongono a Chieti"

"Abbiamo fatto una fusione che tutti auspicavano, avremmo dovuto farla già lo scorso mese. La posizione di Rete Imprese Italia, tra l'altro inviata alla stampa lo stesso giorno della giunta camerale, non lascia dubbi sulla valenza strumentale di questa posizione. Non si capisce poi come mai le stesse associazioni approvano la fusione quando sono sedute nella giunta della Camera di commercio di Pescara mentre vi si oppongono a Chieti".

E' quanto dichiara il presidente della Camera di commercio di Chieti Silvio di Lorenzo, in merito alla querelle relativa al processo di accorpamento delle Camere di Commercio di Chieti e Pescara. La Giunta Camerale teatina intende procedere verso la fusione con la Camera di Commercio pescarese.

"Circa l'affermazione con cui si accusa di voler spostare in avanti la durata dell'attuale governance è ridicola e priva di ogni fondamento - sottolinea Di Lorenzo - È sotto gli occhi di tutti l'infondatezza dell'accusa, che perciò respingo al mittente, di usare in modo personalistico la direzione dell'Ente camerale. La decisione di accorpare le camere di commercio di Chieti e di Pescara è stata presa dalle 4 camere di commercio abruzzesi in una riunione ufficiale nel mese di luglio 2014 con il presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso a cui la stampa ha dato ampio risalto.


Nel consiglio camerale del 30 luglio ho fatto un dettagliato report su tale processo condiviso di riorganizzazione ed il verbale è stato approvato da tutti i consiglieri. Mi auguro che l'incontro con tutte le componenti del consiglio camerale possa chiarire la situazione creatasi in questi giorni. Occorre ora proseguire nel processo di accorpamento da realizzare entro il 31 dicembre 2014, avendo come primo pensiero il bene delle imprese che potranno avere un ente più forte e allo stesso tempo più vicino alle loro esigenze".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento