rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

In Abruzzo cala il numero delle imprese artigiane nel 2021: è il secondo dato peggiore d'Italia

Sono 148 le attività che hanno deciso di chiudere, con una riduzione dello 0,51%; un numero che segue le Marche, con 431 unità in meno

L'Abruzzo è la seconda regione italiana per calo del numero di imprese artigiane. Con -148, una riduzione dello 0,51%, è seconda soltanto alle Marche, che concludono il 2021 con 431 unità in meno, pari allo 0,99%. Seguono Molise (-42 e - 0,66%) e Umbria (-35 e -0,17%). 

Sono i dati che emergono dall'analisi Movimprese, condotta da Unioncamere e InfoCamere, sui dati del Registro delle Imprese delle Camere di commercio. E si tratta di numeri non esaltanti, considerando che nel resto d'Italia, invece, le imprese artigiane tornano a crescere: in tutto il Paese, tra gennaio e settembre il bilancio tra iscrizioni e cessazioni di attività del comparto si è attestato a quasi 9mila imprese in più, pari ad un tasso di crescita dello 0,67% rispetto alla fine del 2020, riportando in terreno positivo il saldo dopo un lungo periodo di contrazione e poi di lento recupero. Per effetto di questa progressione, al 30 settembre scorso il perimetro del settore si è attestato 1.295.221 mila unità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Abruzzo cala il numero delle imprese artigiane nel 2021: è il secondo dato peggiore d'Italia

ChietiToday è in caricamento