rotate-mobile
Economia

Buoni spesa del Comune di Chieti, via libera alle domande per famiglie e attività

C’è tempo fino al 9 dicembre. i destinatari sono le famiglie che potranno usufruire dei buoni e le attività commerciali, che dovranno aderire per essere inseriti nella lista dei punti vendita dove spendere le risorse erogate

Online l’avviso del Comune di Chieti per richiedere i buoni spesa alimentari e non alimentari ad uso delle famiglie e degli esercizi commerciali che vogliano entrare a far parte della lista delle attività cittadine dove spenderli. Le domande si possono presentare fino al 9 dicembre prossimo, preferibilmente tramite App Smart.PA Comune di Chieti, o, in alternativa, inviando i moduli compilati tramite email all’indirizzo protocollo@pec.comune.chieti.it, oppure tramite i Caf convenzionati e il segretariato sociale dalle ore 9.00 alle 13.00 da lunedì a venerdì.

Il sindaco Diego Ferrara, l’assessore alle Politiche Sociali Mara Maretti e al Commercio Manuel Pantalone invitano gli aventi diritto a fare richiesta e a mobilitarsi per ottenere i buoni che questa volta possono essere spesi sia per beni alimentari che per beni non alimentari.  "Una novità - spiegano - dettata dall’obiettivo di utilizzare tutte le risorse governative a disposizione del Comune per l’erogazione, perché la misura abbia una platea la più ampia possibile. Il buono acquisto darà infatti diritto all’acquisto di prodotti di qualsiasi natura, con esclusione di alcolici e superalcolici, armi e munizioni, attività di scommesse e gioco e attività di compro oro. Vanno spesi interamente e non sono ammessi resti in denaro all’utente sul valore del buono, al fine di evitare che vengano utilizzati a fini diversi dall’acquisto".

l buoni saranno recapitati tramite posta elettronica, direttamente sulla app o tramite istituti di patronato che manifestino la loro disponibilità. Per richiederli bisogna essere cittadini italiani maggiorenni, residenti nel territorio comunale o, in alternativa, essere cittadini maggiorenni di Stati diversi da quello italiano, in regola con le disposizioni che disciplinano il soggiorno e residenti nel Comune di Chieti, quindi profughi, rifugiati, richiedenti asilo, stranieri con permesso rilasciato nel rispetto delle tipologie previste dalla Legge 132/2018 e del D.Lgs. 286/1998 e successive modificazioni, apolidi, rimpatriati e comunque appartenere a coloro che beneficiano di una forma di protezione personale, riconosciuta a livello internazionale.

L’erogazione avverrà facendo riferimento all’Isee ordinario e/o corrente del nucleo familiare, che sarà controllato d’ufficio tramite Agenzia delle Entrate. Non possono essere presentate più domande per nucleo familiare, pena l’esclusione e saranno erogati in tagli del valore di 25,00 cadauno, l’importo totale richiedibile, invece, varia da 150 a 400 euro, a seconda se i nuclei siano di formati da uno, due, tre o più persone. Si darà priorità alle famiglie con minor reddito e che non percepiscono altre forme di sostegno al reddito, con la sola esclusione del reddito di emergenza.

Nel link tutte le informazioni e i moduli:

https://www.comune.chieti.it/il-comune/concorsi-bandi-gare-e-avvisi/concorsi-e-avvisi-pubblici/misure-di-solidarieta-alimentare-det.-dir.-990-2021-avvisi-e-modulistica.html

Per le attività commerciali, possono manifestare  interesse ad aderire all'iniziativa: gli esercizi commerciali e pubblici esercizi con sede o unità locale nel Comune di Chieti e iscritti alla Camera di Commercio di competenza, inviando il modulo di richiesta alla per protocollo@pec.comune.comune.chieti.it.

"L’obiettivo - concludono Ferrara, Maretti e Pantalone - è favorire la partecipazione del maggior numero di punti vendita potenzialmente interessati e arricchire così la possibilità di spesa dei buoni, ampliando il paniere dei prodotti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buoni spesa del Comune di Chieti, via libera alle domande per famiglie e attività

ChietiToday è in caricamento